Prodotti

Design, fotografia e video notturni, Oppo Find X5 è davvero una smartphone diverso

Svelata la nuova famiglia Oppo Find X5 che punta tutto sulla fotografia notturna. Noi lo abbiamo avuto tra le mani per alcuni giorni ecco cosa ne pensiamo.

di Luca Tremolada

3' di lettura

Oppo oggi ha il suo chip per l’intelligenza artificiale da applicare all’immagine, l’accordo con un produttore di ottiche, una vocazione forte che è quella dei video e della fotografia un design davvero unico. Questi tre elementi li troviamo per la prima volta nel loro nuovo smartphone di fascia alta Oppo Find X5 Pro e descrivono bene oggi le ambizioni del produttore cinese che ha una idea chiara di quello che deve essere uno smartphone e di come occorra distinguersi dalla concorrenza. Tre gli smartphone presentati FindX5 Pro, FindX5 semplice e quello economico Find X 5 Lite. Per misurare i progressi di Oppo nella fotografia computazionale basta accendere la funzione video notturno . Noi lo abbiamo avuto tra le mani per alcuni giorni ecco cosa ne pensiamo.

Il salto dal 3 al 5

Prima una curiosità: i due smartphone presentati saltano una generazione. Si passa dal Find X3 al Find X5. Il motivo è scaramantico. Il 4 è considerato un segnale di cattivo auspicio perché simile come suono alla parola morte. Ciòdetto parliamo di uno smartphone con tantissima ricerca e sviluppo, che nasce per la fotografia e i video. Se la gioca con Samsung e iPhone in questo campo anche se per giocare alla pari le manca ancora qualcosa.

Loading...

Tanta, tantissima tecnologia per l’immagine

Tecnicamente le tecnologie non le mancano. MariSilicon X, è l’ Npu (Neural Processing Unit) creata ad hoc nei laboratori della casa cinese che “a questo giro” è stata ottimizzata per consentire video con registrazione notturna con dinamiche a 20 bit e 120 db, che è 4 volte maggiore di Find X3 Pro e con un rapporto di contrasto di 1.000.000:1 tra le aree più chiare e più scure. Questa potenza consente l’elaborazione RAW in tempo reale, a livello di pixel e senza alcuna compressione per ottenere un miglioramento del rapporto segnale-rumore di 8dB. La scelta di un chipset d’immagine proprietario (o ISP), è in linea con quanto fatto da altri produttori cinesi come Xiaomi e vivo.

La collaborazione con Hasselblad

Ed esattamente come vivo con Zeiss e Huawei con Leica, Oppo nei giorni scorsi ha stretto un accordo con il produttore di ottiche Hasselblad. per la calibrazione del colore e quindi sul software con il produttore di fotocamere digitali

Le scelta delle due fotocamere

L’architettura del comparto fotografico comprende due sensori principali Sony IMX da 50 MP con il grandangolare e l’ultra-wide su Find X5 Pro che possono acquisire video a 10 bit con una dimensione del sensore di 1/1.56” e pixel binning da 2umi. Le telecamere sono identiche. A queste si aggiunge una fotocamera da 13 Mp. Infine, il sensore è stabilizzato su 5 assi, che mira a sostituire la stabilizzazione sulle lenti oggi presenti su tutti gli smartphone di fascia alta.Oppo punta ad arrivare ad una stabilizzazione a 5 assi, in questo modo sopratutto per i video si ottiene una stabilizzazione simile a quella di un gimbal che hanno solo gli ultimi iPhone.

Cioò detto come sono i video e le foto?

 L’impressione è quella di avere alzato l’asticella sui video notturni anche rispetto ad iPhone e Samung. Nella prova abbiamo però accusato dei piccoli rallentamenti durante la registrazione video ma Oppo ha fatto sapere che nei primi giorni del mese di marzo verrà rilasciato un ulteriore aggiornamento.

Il resto è da prima della classe.

Find X5 Pro può eseguire l’upscaling di filmati a 720p e 1080p per sfruttare lo schermo ad alta risoluzione, creando un’immagine a super risoluzione con una risoluzione di 2160p. ha una batteria da 5000mAh, uno schermo Amoled da 6,7 pollici e il processore Snapdragon 8 Gen 1 multicore di ultima generazione. Anche il prezzo è da primo della classe: 1299 euro.

Scocca in ceramica, effetto ludcido e curve

Il design sembra studiato per segnare una discontinuità rispetto alla concorrenza. Linee morbide, la ceramica lucida che è piacevole al tatto ma che trovate solo nei Pro e la sensazione di avere un oggetto prezioso come accade quando prendete in mano uno smartphone della serie Galaxy S. Il retro è disponibile in due colorazioni: Ceramic White e Glaze Black,

Come è il FindX5 e il Lite.

Schermo più contenuto 6,5 pollici con aggiornamento a 120Hz, Oled al posto di Amoled e il vetro al posto della ceramica e un chip meno potente (Snapdragon 888 5G) u mentre il comparto fotografico è lo stesso del Pro. È disponibile nelle colorazioni White o Black, Il prezzo è 999,99 euro. Ancora meno potente il Lite che a guardare le specifiche sembre OPPO Reno7 5G travestito: il device ha un display AMOLED da 6,43 pollici con refresh rate da 90 Hz e un SoC MediaTek Dimensity 9000 insieme a 8 GB di RAM e ad uno storage da 256 GB. Il prezzo è davvero molto interessante: 499 euro.


Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti