RAGUSA

Destinazione Noto, a prescindere dal matrimonio di Ferragni e Fedez

di Orazio Labbate


default onloading pic
Dimora delle Balze - Noto, Sicilia (© Booking.com via Holidu)

2' di lettura

Città siciliana emblema internazionale del barocco, Noto trionfa su un altopiano come una melagrana preziosa. Città, quella della provincia di Siracusa – descritta con lingua esorbitante dal vicino di casa, lo scrittore Gesualdo Bufalino - dove i palazzi signorili (da ammirare Palazzo Nicolaci) rosei al crepuscolo – è infatti calcarea la loro costituzione -, vibrano di strambi orpelli gotici (pietrosi capitelli raffiguranti strane facce vampiresche, boccacce riempite di fittizia aria, mostriciattoli inquietanti ad abbellire le strutture); città in cui la vegetazione è per metà aspra per metà verdeggiante (ulivi e mandorli crescono puntali in ogni angolo curato e i fiori non mancano di contrastare gli altri colori vivaci delle piante). Città le cui viuzze strette si contorcono, come serpi meravigliose, e conducono a Corso Vittorio Emanuele.

Didentro, e ben prima di esso, l'antica e vetusta Porta Reale annuncia l'ingresso: tre piazze spuntano e ognuna ospita, custode, una chiesa. Tuttavia, tra tutti, il santuario che più significa Noto e il suo barocco, ché maestoso come un castello dalle fattezze vorticose e gigantee, che ambrato raccoglie il sole mitigandone quasi la forza, è la cattedrale di San Nicolò. Risalente al ’700, vanta una facciata inquadrata ai lati attraverso due torri ed è incoronata, la chiesa, di portali grandiosi delimitati da colonne corinzie. Perché si acceda al santuario si ascende verso di esso per mezzo di moltissime scale pietrose. Una volta che si penetra nello stomaco della cattedrale, seppur in contrasto con l'effervescenza inquieta della facciata, essa fa del suo essere disadorna un affascinante scheletro sacro.

È proprio in tale città, baraonda dicotomica di stili, di natura e di costruzioni eccitanti, che convoleranno a nozze, in sintonia perciò con l'arte del posto, il 1 settembre, il famoso rapper Fedez e la fashion blogger Chiara Ferragni. In occasione del matrimonio Noto subirà una metamorfosi americana: fiori, tatuaggi, scollature, spacchi, catene al collo, in giro; una mutazione nuova, per la città sicula, che ricorderà, durante il party, il festival musicale Coachella.

Sicilia più California, dunque, con altresì una ruota panoramica – consimile, senza dubbio, a quella di un luna park statunitense - montata al centro della villa comunale di Noto. L'influencer e il rapper si sposeranno, con rito civile, presso la Dimora delle Balze, distante circa venti chilometri da Noto. Gli invitati, nel numero di circa 150, verranno accolti nel Palazzo Nicolaci, quale luogo migliore, per una coppia barocca, giacché sul palazzo sono scolpite sembianze mitiche di: chimere, sirene, cavalli alati e centauri.

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti