ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùgrandi banche in crisi

Deutsche Bank ristruttura: 18mila esuberi, 2,8 miliardi di perdita netta

La banca ha annunciato l’uscita dall’attività di trading e di sales nel mercato globale dell’equity, il trasferimento di 74 miliardi del suo portafoglio di attività ponderate per i rischi (RWA) e 288 miliardi delle esposizioni con leva, in una speciale non-core unit o Capital release unit mirata ad alleggerire l’assorbimento di capitale

dal nostro corrispondente Isabella Bufacchi

Salta il supermatrimonio tra Deutsche Bank e Commerz

La banca ha annunciato l’uscita dall’attività di trading e di sales nel mercato globale dell’equity, il trasferimento di 74 miliardi del suo portafoglio di attività ponderate per i rischi (RWA) e 288 miliardi delle esposizioni con leva, in una speciale non-core unit o Capital release unit mirata ad alleggerire l’assorbimento di capitale


2' di lettura

FRANCOFORTE - Deutsche bank ha annunciato l’avvio di una ristrutturazione radicale, la più impegnativa nei suoi 149 anni di storia. La banca ha annunciato l’uscita dall’attività di trading e di sales nel mercato globale dell’equity, e il trasferimento di 74 miliardi del suo portafoglio di attività ponderate per i rischi (RWA), e 288 miliardi delle esposizioni con leva, in una speciale non-core unit o Capital release unit mirata ad alleggerire l’assorbimento di capitale.

Negli scambi di lunedì mattina in Borsa il titolo è partito forte salendo di oltre il 4% a quota 7,47 euro ma nella seconda parte della mattinata ha ripiegato ed è passato in negativo.

GUARDA IL VIDEO. Il mancato matrimonio Deutsche-Commerz Bank

La trasformazioni della banca comporterà 18.000 esuberi sugli attuali 91.700 dipendenti e una perdita netta una tantum di 2,8 miliardi nel secondo trimestre di quest’anno. Anche l’attività nel fixed income, il settore del reddito fisso quindi dei bond, verrà fortemente ridimensionata. Tra gli obiettivi della ristrutturazione c’è anche quello di far calare il rapporto tra costi e ricavi, attualmente attorno al 93% e tra i più alti in Europa, al 70% per il 2022. I costi dovrebbero scendere di 6 miliardi a 17 miliardi per il 2022. Il fully loaded leverage ratio dovrebbe salire al 5% per il 2022. Il RoTE (Return on Tangible equity) ha ora un target dell’8% per il 2022.

L’impatto della ristrutturazione porterà il CET1 al 12,5% dall’attuale 13,7%. La banca ha anche annunciato un massiccio piano di investimenti nell’alta tecnologia per 13 miliardi entro il 2022: una delle principali carenze della banca, stando agli analisti, è proprio quella di essere rimasta indietro con l’adeguamento delle strutture e dei controlli.

Come previsto, la ristrutturazione ha riguardato anche un riassetto del top management. Il responsabile dell’attività al dettaglio Frank Strauss e la chief regulatory officer Sylvie Matherat lasceranno il consiglio di amministrazione della banca questo mese. Un’altra uscita di peso, quella del responsabile del Corporate and Investment bankin Gart Ritchie è stata annunciata venerdì.

Il ceo Christian Sewing ha sottolineato che si tratta di una delle più profonde ristrutturazioni della banca in decenni, trasformando il modello di business, costi, il capitale e il management. Paul Achleitner, il presidente del consiglio di sorveglianza, ha ammesso che la banca ha attraversato un periodo difficile ma che questa ristrutturazione consente di guardare avanti con ottimismo.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Isabella Bufacchivicecaporedattore corrispondente dalla Germania

    Luogo: Francoforte, Germania

    Lingue parlate: inglese, francese, tedesco, spagnolo

    Argomenti: mercato dei capitali, ECB watcher, fixed income e debito, strumenti derivati, Germania

    Premi: Premio Ischia Internazionale di Giornalismo per l’analisi economica, Premio Q8 per giovani giornalisti economici

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti