banche

Deutsche in profondo rosso ma il ceo è «ottimista» e il titolo rimbalza

Il 2019 si è chiuso con 5,7 miliardi di perdite

di Isabella Bufacchi

default onloading pic
(EPA)

Il 2019 si è chiuso con 5,7 miliardi di perdite


2' di lettura

«Sono ottimista». Così l’amministratore delegato di Deutsche Bank Christian Sewing si è rivolto questa mattina ai mercati e alla stampa per presentare un bilancio 2019 in profondo rosso, 5,7 miliardi di perdita nel 2019 leggermente superiore alle attese di 5 miliardi ma che archivia il 70% dei costi della ristrutturazione previsti al 2022.

Con una solidità patrimoniale confermata dal CET1 al 13,6%, uguale a 2018 e superiore al 13% previsto per il 2019, dove dunque «il margine di errore in questo si è ridotto». L'ad, e con lui il direttore finanziario James von Moltke, hanno spiegato con una valanga di numeri e proiezioni questo ottimismo ricostruendo tappa dopo tappa il percorso della «più grande ristrutturazione» dell'ultimo ventennio – annunciata lo scorso 7 luglio - che sta procedendo «più velocemente del previsto», senza al momento chiedere sacrifici agli azionisti perché tutta finanziata internamente.

Centrati o superati i principali obiettivi su riduzione dei rischi (il veicolo CRU ha ridotto gli assets ponderati per il rischio RWA non più strategici -36% da 72 miliardi nel 2018 a 46 miliardi a fine 2019 oltre il target di 52 miliardi) , calo dei costi scesi a 21,5 miliard nel 2019i, taglio del personale (calato in 20 mesi di quasi 10.000 unità a 87.600) e dei rami secchi (fuori dall'equity). Intanto le principali aree del “core business” della nuova Deutsche bank – che sarà globale ma anche con un focus molto europeo - stanno crescendo come sottolineato dai vertici della banca: core bank utili pre-tasse +7% a 2,8 miliardi, attività di trading e vendite nel reddito fisso e valute è crescita del 30% anno su anno.

Una trasformazione che agli occhi management di DB, un colosso con 1.500 miliardi di attivi, sta andando «meglio del previsto» nonostante i tassi negativi che hanno colpito il private banking: un messaggio nel complesso che, dopo un -4,5% in Borsa come reazione alla doccia fredda, è stato assorbito dal mercato e il titolo DB ha recuperato in mattinata riducendo le perdite iniziali e arrivando a guadagnare il 2%. Ma restano aperti gli interrogativi sul 2020 e sulla capacità della banca di centrare il più grande degli obiettivi: return on tangible equity Roe dell'8% nel 2022 e cost-income ratio del 70%.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti