lusso

Di che stile sei? Quando i tarocchi svelano il design della casa ideale

Il gioco è parte di uno studio sulla lingua dell'abitare a cui l’architetto italo francese Augusto Antonio Viola dedica un saggio e un sito online

di Redazione Moda

default onloading pic

Il gioco è parte di uno studio sulla lingua dell'abitare a cui l’architetto italo francese Augusto Antonio Viola dedica un saggio e un sito online


2' di lettura

Tarocchi alla mano, l'architetto discute con il cliente per interpretarne i desideri e scoprire il suo modo di abitare. Augusto Antonio Viola, architetto e designer italo francese, docente alla Sorbona a Parigi, alias Toton, da anni lavora alla costruzione della “Lingua dell'abitare”, per permettere a chiunque di esprimere le sensazioni e le emozioni che prova con la propria casa.

Questo studio prende oggi la forma di una Guida dell'Abitare e di un Gioco di Tarocchi pronti ad andare in stampa: le 78 carte rappresentano altrettanti modi di abitare ed altrettanti profili psicologici di abitanti, in cui potersi identificare per scoprire la propria relazione con la casa. Intanto, l'architetto con i tarocchi comincia a farsi spazio sul web: un sito dedicato alla posta con i lettori, La posta della Casa, e un canale, l'Atelier Toton, in cui intervista personaggi del mondo dell'arte e della cultura per svelare i segreti della loro casa ideale, contano un gran numero di followers.

L'obiettivo è progettare case che diventino luogo di espressione della personalità del proprietario o ospite. In questi giorni poi, la casa, mentre il mondo è stato attaccato dalla epidemia del Covid-19, ha assunto una funzione ancora più importante: per adulti, coppie, bambini, adolescenti che in essa hanno cercato il mondo intero. In tanti sono rimasti delusi dalla reclusione. Altri si sono sentiti protetti al punto che ora stentano ad uscirne.

«Viviamo tutti in un luogo, ma ognuno di noi ha il suo modo di abitare o immaginarlo - spiega Toton -. C'è chi costruisce un rifugio o un appartamento prezioso come un santuario, c'è chi preferisce viaggiare rifiutando ogni radice; chi sogna antiche costruzioni, case di famiglia, e chi invece trova la felicità all'ultimo piano di una torre. Il nostro luogo di vita non è solo un indicatore dei nostri gusti, è anche una proiezione del nostro spazio interiore».

Insomma, c'è molto studio dietro l'ideazione dei Tarocchi dell'Abitare, che l'architetto designer utilizza come primo atto della progettazione e come strumento di una maieutica applicata al progetto.

In questi giorni si apre un nuovo cantiere: dopo l’esperienza di confinamento, di convivenza forzata, di un quotidiano in cui i momenti di festa sono stati solo virtuali e le persone invitate sono entrate in casa solo dallo schermo, il lavoro di Toton apre un nuovo capitolo: quale la casa desiderata nel dopo Covid? «C'è desiderio di case amiche, di spazi diversi per ogni momento della giornata, perché la varietà e la ricchezza del quotidiano trovino nuovi scenari».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti