il vicepremier contro i benetton

Di Maio: «Non pagheremo 20 miliardi di penale ad Aspi. Desecretiamo contratti»

di Maurizio Caprino


Di Maio: «Via la concessione ad Autostrade e multa da 150 milioni»

3' di lettura

Certezza di avere in mano gli elementi e gli strumenti giuridici per revocare la concessione ad Autostrade per l’Italia senza oneri per lo Stato, valutazione per individuare nei prossimi mesi un nuovo gestore pubblico per la sua rete e, nell’immediato, rifiuto di incontrare la famiglia Benetton, cui fa capo il gestore attuale. È la posizione espressa stamattina a Genova dai microfoni di Radio24 dal vicepremier Luigi Di Maio. L’esponente pentastellato si dice sicuro che la penale di circa 20 miliardi di euro che lo Stato dovrebbe versare ad Aspi in caso di revoca non sia dovuta: «Lo sarebbe solo se la revoca fosse ingiustificata, ma qui lo è». In sostanza, secondo Di Maio, basterebbero il crollo del Ponte Morandi e lutti e sofferenze che ha causato per dimostrare la grave inadempienza del gestore. Il vicepremier ha precisato che dietro la posizione ci sono anche i pareri dei tecnici ministeriali. Ma da quanto risulta ad oggi la convenzione in vigore, che l’attuale governo eredita dal passato, è più «garantista» per il gestore e, tra le altre cose, richiede che il ministero delle Infrastrutture contesti formalmente le inadempienze entro precise scadenze. Non risulta che prima del crollo ciò sia stato fatto, anche perché la struttura ministeriale di vigilanza è sempre stata tenuta con basso profilo dai governi precedenti.

In caso di effettiva revoca, Di Maio ha promesso che l’eventuale futuro gestore pubblico investirebbe sulla sicurezza 6 miliardi l’anno, cioè l’equivalente dei pedaggi incassati da Aspi nello stesso periodo. Ma si porrebbe il problema di individuare un gestore. L’unica soluzione praticabile sembrerebbe quella di trasferire tutto all’Anas, ma ci sarebbero comunque forti criticità. Forse è per questo che Di Maio non ha nominato l’Anas, limitandosi a dire che si valuterà nei prossimi mesi chi dovrebbe gestire la rete Aspi (tremila chilometri, praticamente la metà di tutte le autostrade italiane.

La polemica con Benetton
Durissimo, il vicepremier con delega alle Attività produttive e al Lavoro, nei confronti della famiglia Benetton. «Nello Sblocca Italia nel 2015 fu inserita di notte una leggina che prolungava la concessione a Autostrade in barba a qualsiasi forma di concorrenza. Si è fatta per finanziare le campagne elettorali. A me la campagna non l’ha pagata Benetton e sono libero di rescindere questi contratti». Di Maio non intende trattare con Atlantia: «Non mi sento umanamente di incontrare i vertici di Edizioni Srl, società della famiglia Benetton che possiede Atlantia, ovvero Autostrade per l’Italia. La situazione fa molta rabbia, la verità è che gli utili netti che fanno queste società in regime di monopolio fanno arrabbiare tutti. Molti soldi potevano essere investiti in sicurezza, mentre sono andati in dividendi. Significa che quando si mette in mano ad un privato e a delle finanziarie le nostre strade e la sicurezza delle nostre famiglie si preferisce il profitto. I Benetton li incontreremo virtualmente nella fase di contraddittorio quando gli ritireremo la licenza».

L’annuncio: «Adesso desecretiamo gli atti»
Il vicepremier Di Maio annuncia anche novità sulla gestione della contrattualistica che regola le concessioni: «Adesso desecretiamo i contratti delle concessioni autostradali. I cittadini non lo sanno ma quei documenti sono secretati e anche noi facciamo fatica a conoscerli». A stretto giro si è fatto sentire anche Matteo Salvini: «Per me va rivisto tutto il sistema delle concessioni in Italia. Non solo quella di Autostrade».

Una task force per Genova
Quanto alla situazione a Genova, «ci sarà una task force per fare prove di stabilità urgenti sulle parti del ponte rimaste in piedi per consentire alle attività, come ad esempio Ansaldo Energia, di potere riprendere la produzione in sicurezza», ha detto Di Maio. «Nella task force ci saranno esperti della procura, dei vigili del fuoco e di Autostrade perché non pensiamo che Autostrade possa agire senza un adeguato contradditorio. L’obiettivo è di fare riprendere le attività e limitare il danno economico. Vogliamo scongiurare un danno economico a Genova, al porto, alle aziende dell’area. Per questo stiamo anche studiando diverse soluzioni per la viabilità».

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...