al congresso della uil

Di Maio: «Per avere reddito cittadinanza 8 ore di lavoro gratis a settimana»

di Andrea Gagliardi


Di Maio: “Per reddito cittadinanza 8 ore lavoro gratis”

3' di lettura

Ripete che l’obiettivo del reddito di cittadinanza «non è dare soldi a qualcuno per starsene sul divano» ma garantire a chi ha perso il lavoro «un percorso di riqualificazione». Con una specifica: «Mentre ti formi e lo Stato investe su di te, ti do un reddito e in cambio dai al tuo sindaco ogni settimana 8 ore lavorative gratuite di pubblica utilità». Dribbla le polemiche sollevate da Salvini sulla scorta a Saviano («ci dobbiamo concentrare sulle cose che stanno nel contratto, poi ognuno dica quello che vuole ma nel tempo libero»). Ribadisce la priorità del decreto dignità, il cui avvio auspica arrivi «la prossima settimana». Assicura che dopo l’abolizione dei vitalizi si passerà al taglio «delle pensioni d’oro» superiori ai 5mila euro netti mensili. È un Luigi Di Maio a tutto campo quello che ha partecipato oggi al congresso della Uil. Con una postilla interessante nel pomeriggio nel nel corso di un comizio ad Avellino a sostegno del candidato sindaco dei 5 Stelle: «Quando lo Stato vara una gara d’appalto, deve preferire le aziende italiane a quelle estere».

Di Maio: su reddito cittadinanza non arretreremo
Il reddito di cittadinanza «può muovere tante obiezioni, ma ci credo molto e possiamo farlo insieme, non arretreremo e ci metteremo insieme come forze
politiche e parti sociali per realizzarlo senza che ci siano degli abusi» ha assicurato il vicepremier intervenendo al congresso Uil e aggiungendo: «la vera grande questione è la riconversione di chi oggi ha bisogno di esser riqualificato e reinserito lavorativamente», la questione «passa per i centri per l'impiego ma anche per il reddito».

Decreto Dignità prossima settimana in Cdm
«Spero la settimana prossima». Così invece il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico ha risposto a una domanda sui tempi dell’avvio del cosiddetto “decreto Dignità”, definito «la prima misura di questo governo». «La norma - ha spiegato - eliminerà la burocrazia per le imprese, ci sarà un intervento sul precariato. soprattutto dei più giovani, vieteremo pubblicità sul gioco d'azzardo e interverremo sulle delocalizzazioni». In particolare la prima norma stringente in Cdm sarà quella sulle delocalizzazioni, perchè «le aziende non possono lasciare i lavoratori in mezzo alla strada dopo che hanno preso i soldi delle loro tasse», ritornandosene all’estero.

Non solo. «Se un'azienda sta in Italia e prende soldi dallo Stato non se ne può più andare e lo Stato quando vara delle gare di appalto deve preferire aziende
italiane a quelle estere
» ha aggiunto il vice premier Luigi Di Maio ad una convention elettorale ad Avellino. In materia fiscale, come annunciato, le imprese potranno invece contare sull’eliminazione dello spesometro (destinato a scomparire con la fatturazione elettronica a partire dal prossimo 1° gennaio), del redditometro (comunque già messo in soffitta dall'amministrazione finanziaria) e degli studi di settore, in realtà già pronti ad essere sostituiti dai nuovi Indici di affidabilità fiscale.

Il tavolo su rider e gig economy
Di Maio ha annunciato anche che la prossima settimana «partirà il tavolo sui rider e sui lavori della gig economy», ribadendo che «se a quel tavolo si trova la soluzione, con un nuovo contratto per la gig economy, non c'è bisogno della legge. Se, invece, mi si viene a dire o ce li fate sfruttare o me ne vado all'estero allora io faccio la legge per tutelare» questi lavoratori. Comunque, intervenendo al congresso della Uil, il ministro ha aggiunto di avere al momento riscontrato «ampia disponibilità» anche da parte delle aziende digitali.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti