il lunedì del sole

Dichiarazioni fiscali: come e quando correggere gli errori

L'extra-time concesso per presentare la dichiarazione dei redditi relativa al 2018 – possibile entro il prossimo 2 dicembre – offre più tempo anche per correggere gli errori commessi da chi ha già inviato alle Entrate il modello Redditi o il 730


default onloading pic

1' di lettura

Non è (quasi) mai troppo tardi. L'extra-time concesso per presentare la dichiarazione dei redditi relativa al 2018 – possibile entro il prossimo 2 dicembre – offre più tempo anche per correggere gli errori commessi da chi ha già inviato alle Entrate il modello Redditi o il 730. Fino a questa data si può procedere con una dichiarazione “correttiva nei termini”. Dopo resterà la chance dell'integrativa. Le modalità di correzione sono diverse e cambiano, tra l'altro, a seconda che il contribuente abbia scelto il fai-da-te (con la dichiarazione precompilata) o si sia rivolto a un intermediario (Caf, commercialista o altro professionista).

La Guida rapida - in allegato al fascicolo dell'Esperto risponde in edicola lunedì 21 ottobre con Il Sole 24 Ore – spiega quali sono le procedure e i tempi per rimediare alle sviste nelle dichiarazioni, anche quelle degli anni passati. E illustra anche come si possono utilizzare gli eventuali crediti d'imposta o ridurre le sanzioni per le irregolarità commesse. Perché l'errore è sempre in agguato, anche per i contribuenti che si sono rivolti a un intermediario: non sono rari, infatti, i casi di ricevute dimenticate o redditi “trascurati”.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...