commercialisti

Dichiarazioni omesse oltre 90 giorni: perdite compensabili

Norma di comportamento Aidc numero 206 sulla riportabilità delle perdite in caso di omessa dichiarazione

di Filippo Jacobacci

(MarcoBagnoli Elflaco - Fotolia)

4' di lettura

Per i soggetti che producono redditi di impresa, le norme in materia di riportabilità delle perdite fiscali pregresse sono contenute negli art. 8 Tuir (soggetti Iepef in contabilità ordinaria) e 84 Tuir (soggetti Ires). Dalla lettura di entrambe le disposizioni, non emerge che tra i requisiti richiesti per l'utilizzo (in un periodo d'imposta successivo) di una perdita fiscale pregressa vi sia la presentazione della dichiarazione dei redditi, relativa all'annualità in cui la stessa si è formata. Ciò premesso, ci si domanda se siano riportabili le perdite fiscali realizzate in un periodo per il quale risulti omessa la dichiarazione .

È considerata omessa la dichiarazione presentata con un ritardo superiore a 90 giorni. Lo stabilisce l’articolo 2 comma 7 Dpr 322/98, secondo il quale “sono considerate valide le dichiarazioni presentate entro novanta giorni dalla scadenza del termine, salva restando l’applicazione delle sanzioni amministrative per il ritardo. Le dichiarazioni presentate con ritardo superiore a novanta giorni si considerano omesse, ma costituiscono, comunque, titolo per la riscossione delle imposte dovute in base agli imponibili in esse indicati e delle ritenute indicate dai sostituti d’imposta”.

Loading...

Con riferimento a tale disposizione, si deve osservare che la dichiarazione presentata oltre i 90 giorni (e quindi omessa) costituisce titolo per la riscossione delle imposte dovute in base agli imponibili in esse indicati.

Ciò conferma dunque la facoltà – da parte delle autorità fiscali – di verificare le modalità di determinazione dell’imponibile riportato nella dichiarazione ultra-tardiva (omessa), senza operare alcuna distinzione in ordine alla circostanza che tale dichiarazione potrebbe presentare anche una perdita fiscale . Peraltro, è del tutto evidente che il caso qui rappresentato è differente rispetto a quello di una dichiarazione validamente presentata entro i termini, nella quale risulti omessa l’indicazione della perdita riportabile. Anche tale norma quindi, nulla dispone in materia di preclusione (o limitazione) al riporto delle perdite maturate in un periodo d’imposta in cui non sia stato effettuato l’adempimento dichiarativo.

Un’ulteriore disposizione di interesse è quella per cui le “violazioni relative alle dichiarazioni delle imposte sui redditi e dell’imposta regionale sulle attività produttive”, previste dall’articolo 1 del Dlgs 471/1997 (tra le quali vi sono anche le sanzioni in caso di omessa presentazione della dichiarazione): tale norma tuttavia non fa mai riferimento alle perdite fiscali eventualmente maturate e relative ad annualità “omesse”, riferendosi sempre alla maggiore imposta dovuta quale parametro per la commisurazione della sanzione. Anche nel caso in cui non sia dovuta alcuna imposta (e qui sembra proprio essere contemplato – tra gli altri possibili – il caso in cui si sia in presenza di una perdita fiscale) è prevista una sanzione ridotta, ma nulla è stabilito sulla riportabilità delle perdite, nei limiti stabiliti dal Tuir .

In definitiva, l’ordinamento non dispone preclusioni all’utilizzo di perdite sorte in periodi d’imposta per i quali risulti omessa la dichiarazione e sia dimostrabile la sussistenza della perdita in base alla disposizioni normative vigenti al tempo di formazione della medesima.
Per tale ragione, il mancato riconoscimento di perdite fiscali riportabili, sorte in annualità omesse , a livello generale, comporterebbe:
a. un effetto improprio equivalente a quello sanzionatorio, cioè non previsto dall’ordinamento e, in quanto, tale contrastante con i principi di cui all’articolo 2 comma 1 del Dlgs 472/97 e articolo 3 comma 1 Dlgs 472/97;
b. il mancato rispetto del principio di proporzionalità della sanzione .

Del resto, occorre osservare che in tema di accertamento d’ufficio per omessa dichiarazione ex art. 41 Dpr 600/73, la prassi riconosce la validità (al fine della quantificazione dei componenti negativi di reddito) delle scritture contabili regolarmente tenute , a prescindere dall’omissione della dichiarazione . La giurisprudenza, inoltre, ha sempre chiarito che gli uffici sono tenuti alla determinazione del reddito effettivo.
Né il riconoscimento della perdita fiscale relativa a un periodo d’imposta per il quale sia stato omesso l’adempimento dichiarativo, può dipendere dall’effettuazione dell’accertamento da parte delle autorità fiscali, circa la relativa omissione.

NELL’ULTIMO DECENNIO

L’altalena degli interessi legali, misura annua in percentuale

Loading...


L’omissione, al più, inciderà sulle modalità operative con le quali si procede a fare emergere tale perdita, se, in base a quanto disposto dall’articolo 2 comma 7 Dpr 322/98, è comunque possibile presentare una dichiarazione anche con un ritardo superiore ai 90 giorni rispetto ai termini ordinari al fine di attribuire all’ufficio il titolo per la riscossione delle imposte dovute in base agli imponibili indicati .
In ipotesi di perdita fiscale sorta in un periodo d’imposta per il quale risulti omessa la dichiarazione e oggetto di accertamento é possibile formulare alcune ulteriori considerazioni.

Con l’articolo 25 del Dlgs 158/15 è stato disciplinato lo scomputo delle perdite in diminuzione dei maggiori imponibili accertati, per i quali viene previsto un differente meccanismo in relazione all’epoca in cui la perdita che si intende utilizzare è maturata, così articolato:
- se la perdita è relativa alla medesima annualità oggetto di accertamento, allora essa è utilizzabile senza alcuna richiesta da parte del contribuente;
- se rinviene da periodi d’imposta antecedenti rispetto a quello accertato, è necessario effettuare una apposita richiesta di utilizzo .
In ogni caso (e a prescindere dall’esistenza di un’attività di accertamento relativo al periodo d’imposta in cui la perdita si è formata ma si è omessa la dichiarazione), non viene mai meno il principio sancito dalla Cassazione, secondo il quale al contribuente è riconosciuta la possibilità di dimostrare anche in sede contenziosa, di avere commesso errori che hanno inciso sulla determinazione dell’imponibile fiscale . La previsione del Dlgs 158/15, dunque, è coerente con tale principio che fissa, al più

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti