Dieci mete dove studiare all’estero «low cost» (e l’affitto è accessibile)

1/11oltre brexit

Dieci mete dove studiare all’estero «low cost» (e l’affitto è accessibile)

di Laura Cavestri ed Enrico Marro

default onloading pic
(Reuters)

E se studiare all’estero non fosse solo andare a Londra o Edimburgo? Ingegneria, medicina, economia, legge, scienze politiche. Fino a qualche anno fa frequentarle all’estero era una scelta d’elìte. Oggi – che sia la scelta della “matricola” al primo anno o la specialistica di secondo livello, così come un master o un dottorato – quest’opportunità è diventata sempre più alla portata delle famiglie italiane.

La Gran Bretagna – le cui università sono da sempre tra le più costose d’Europa – causa Brexit introduce “paletti” all’entrata anche per gli studenti europei. Invece, proprio la Ue offre opportunità alternative, che coniugano elevata preparazione accademica ed esigenze di contenere i costi, con opzioni un po’ per tutte le tasche.
Abbiamo, infatti, deciso di incrociare alcune delle migliori università europee con i livelli delle loro rette e – grazie alle elaborazioni del centro studi di Abitare.Co – con i prezzi per l’affitto mensile di una stanza in quelle stesse località e i prezzi (minimi e massimi) per l’acquisto di un bilocale. Per chi non rinuncia a vedere in un figlio all’estero anche l’opportunità di un investimento immobiliare.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti