L’analisi

digital innovation hub, porta d’accesso a industria 4.0

di Gianluigi Viscardi

3' di lettura

Ad oggi, l’innovazione digitale rappresenta il pilastro per le aziende per adattarsi ai nuovi cambiamenti ed essere competitive sul mercato. In questo contesto, i Digital Innovation Hub della Rete Confindustria, nati nel 2017 con il Piano Industria 4.0, hanno lo scopo di stimolare e promuovere la domanda di innovazione del sistema produttivo e sono la “porta di accesso” delle imprese al mondo di Industria 4.0. Confindustria ha finanziato i DIH autonomamente, creando 22 hub regionali con l’obiettivo di accompagnare le Pmi.

Nel 2017 Confindustria Lombardia ha costituito il DIH Lombardia, caratterizzato da 9 antenne territoriali. Questo garantisce di poter supportare le aziende in modo rapido, conoscendo le tipicità di ciascuna area. La forza del DIH Lombardia è quella di poter offrire un livello qualificato di servizi, lavorando in rete anche con gli altri DIH di Confindustria. Oltre a lavorare alla sensibilizzazione delle Pmi sulle tematiche di Industria 4.0, il DIH Lombardia in questi anni ha svolto oltre 460 assessment di maturità digitale e lavorato all’orientamento delle imprese verso l’ecosistema dell’innovazione, costituito da Competence Center e Cluster raggiungendo circa 9mila imprese. Superata la fase di startup il DIH Lombardia si è evoluto focalizzandosi anche sulla sensibilizzazione dell’importanza della filiera nel processo di digitalizzazione per le aziende. Lo sviluppo di un modello di mappatura ha permesso al DIH Lombardia di sviluppare progetti di filiera, tra cui spiccano quelli che hanno visto come capofiliera Ansaldo, ABB, Leonardo e Hitachi e quello che ha coinvolto la filiera del Filo d’Oro. Il DIH Lombardia ha assunto il ruolo di coordinatore del progetto sia per quanto riguarda ABB, Leonardo e per la filiera del Filo d’Oro. Inoltre, è recentemente partita la wave 2 di Leonardo, la quale vede ancora il DIH Lombardia come coordinatore del progetto. Il ruolo del capofiliera deve essere sempre più trainante per tutte le Pmi che fanno parte della filiera stessa. Questo permette a tutta la filiera di crescere condividendo benefici comuni, sfruttando sinergie e cooperando in modo sempre più integrato. L’approccio valorizzante le filiere è stato poi il fulcro del progetto #LombardiaDigital&AI del DIH Lombardia realizzato grazie al contributo di Regione Lombardia e con la collaborazione delle nove antenne territoriali, che ha avuto come obiettivo l’elaborazione di uno studio sulla capacità delle imprese lombarde di adottare soluzione di Intelligenza Artificiale e sul loro livello di maturità digitale. L’analisi ha confermato che le imprese lombarde sono già orientate alla completa trasformazione digitale e all’adozione di soluzioni di Intelligenza Artificiale. Le opportunità sono ancora molteplici e, cogliendole, avremo un impatto significativo sulla competitività dell’intero sistema economico regionale. In quest’ottica il ruolo del DIH Lombardia sarà strategico così come lo sarà il supporto costante della Regione. Nelle prossime settimane lo studio sarà presentato in tutti i territori della Lombardia nell’ambito di un roadshow organizzato dal DIH Lombardia e dalle antenne territoriali che approfondirà nel dettaglio i risultati per tutte le filiere analizzate. Alla luce dei risultati conseguiti in autofinanziamento, in linea con gli obiettivi della transizione digitale e con le missioni del Pnrr, il DIH Lombardia intende incrementare la pervasività sul territorio e la qualità dei servizi offerti. È però fondamentale che si proceda verso un formale riconoscimento dei DIH da parte delle istituzioni, anche in prospettiva di una messa a terra del Pnrr sui territori, individuando missione, confini e caratteristiche discriminanti. Questo riconoscimento consentirebbe al DIH Lombardia, e a tutti i DIH della rete nazionale, di rinsaldare ulteriormente la collaborazione con gli ecosistemi dell’innovazione, espandendo le attività nell’ambito degli European Digital Innovation hub, centri altamente specializzati su Intelligenza artificiale, calcolo ad alte prestazioni e sicurezza informatica. La capacità di fare rete con gli altri EDIH a livello europeo permetterà di accrescere la competitività dell’industria e delle organizzazioni pubbliche, migliorandone i processi di business e produzione. La trasformazione digitale è ormai una necessità per le aziende di tutte le dimensioni. In particolare, il covid ha dimostrato tale esigenza, evidenziando come attualmente molte aziende non dispongano di strumenti digitali adeguati, ad esempio, per la gestione dei processi da remoto. Il DIH Lombardia e tutta la rete dei DIH di Confindustria possono aiutare le aziende a capire dove focalizzare i progetti digitali, accompagnandole in questo percorso.

Loading...

Il nostro obiettivo comune è uno solo: aiutare le Pmi ad intraprendere percorsi di trasformazione digitale e portare a terra progettualità che possano portare vero valore aggiunto e rendano le aziende più competitive.

Presidente Digital innovation hub Lombardia

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti