ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùM&A

Dior rafforza la filiera con l’acquisizione della toscana Artlab

L’azienda di Santa Croce sull’Arno è specializzata nelle stampe digitali e nelle rifinizioni manuali su pelle per i grandi brand della moda. Per il gruppo Lvmh è la quinta operazione di questo tipo in Toscana da ottobre

di Silvia Pieraccini

2' di lettura

Si aggiunge anche Dior al lungo elenco di marchi internazionali della moda che stanno investendo nella catena di fornitura in Toscana. La maison francese parte di Lvmh, il più importante gruppo del lusso al mondo, si è assicurata – secondo quanto risulta al Sole 24 Ore – l’azienda Artlab del distretto conciario di Santa Croce sull’Arno (Pisa), specializzata nelle stampe digitali e nelle rifinizioni manuali su pelle per i grandi brand della moda.

Artlab, fondata alla fine degli anni ’80 dall’imprenditore Marcello Tatoni, è stata la prima azienda a sperimentare tecniche innovative e trattamenti originali per le pelli di borse e scarpe, attraverso aerografi, tamponature, inkjet. Oggi è uno dei nomi d’eccellenza nel segmento delle lavorazioni speciali, guardato con sempre maggiore interesse dai grandi brand per la capacità di conferire valore aggiunto e unicità ai prodotti-moda. Nel 2020 (ultimo bilancio depositato) Artlab - che ora fa capo ai figli di Marcello, Ilaria e Dario, e ad Andrea Balleri - ha fatturato 4,7 milioni di euro con 268mila euro di utile.

Loading...

La sua ricchezza sta soprattutto nelle competenze, in quella creatività da laboratorio artistico che Dior ha deciso di non lasciarsi scappare in un momento in cui le catene di fornitura stanno diventando sempre più importanti, per la difficoltà globale nel reperire materie prime, semilavorati e forza lavoro. Assicurarsi anelli strategici della filiera significa avere il prodotto nei tempi previsti.

Il focus di Lvmh sulla filiera

Per il gruppo Lvmh si tratta della quinta operazione progettata o realizzata in Toscana da ottobre: nell’ultimo mese e mezzo c’è stata l’inaugurazione dello stabilimento di borse Fendi da 30mila mq e 50 milioni di investimento nel comune di Bagno a Ripoli (Firenze); l’annuncio dell’apertura di una fabbrica di borse Givenchy negli spazi lasciati liberi proprio da Fendi a Ponte a Ema, sempre nel comune di Bagno a Ripoli; la progettazione di uno stabilimento di borse Louis Vuitton a Pontassieve (Firenze); l’acquisizione, tramite la divisione Metiérs d’Art, della maggioranza della storica conceria Nuti Ivo, uno dei nomi più importanti del distretto di Santa Croce sull’Arno (Pisa), specializzata nella pelletteria di lusso (nel 2021 ha fatturato 58,7 milioni di euro con 8,65 milioni di utile netto) e parte di un gruppo familiare formato da sette concerie con più di 130 milioni di ricavi. Ora arriva l’operazione nelle lavorazioni speciali messa a segno da Dior, a conferma di una strategia industriale che punta ad assicurarsi chi sa fare con le mani.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti