Famiglie, giovani, professionisti, imprese: chi vince e chi perde con la manovra 2020

5/8Politica Economica

Dipendenti pubblici


default onloading pic
(FOTOGRAMMA)

CHI VINCE

Lavoratori della pubblica amministrazione
Per i circa 3 milioni di dipendenti pubblici è in arrivo il rinnovo del contratto collettivo 2019/21. La legge di Bilancio porta a quasi 3,2 miliardi la dote complessiva. L'aumento retributivo sarà dell'1,3% per il 2019, dell'1,9% per il 2020 e del 3,50% a decorrere dal 2021. In media ogni lavoratore pubblico a regime avrà 96 euro in più in busta paga.

Forze di polizia e Vigili del fuoco
Stanziati 48 milioni per l'incremento delle risorse destinate al pagamento degli straordinari svolti dagli appartenenti alle Forze di polizia e 2 milioni per gli straordinari dei Vigili del fuoco. Personale dei Beni culturaliPer il trattamento accessorio del personale non dirigenziale del ministero dei Beni culturali arriva uno stanziamento aggiuntivo di 22,5 milioni derivanti dai proventi dei biglietti di ingresso.

CHI PERDE

Insegnanti
Per i prof l'aumento in busta paga si dovrebbe fermare a 85 euro nonostante i 100 euro promessi dal governo gialloverde e da quello giallorosso. A meno che nel corso dell'esame parlamentare del Ddl non vengano reperite altre risorse all'interno del bilancio del Miur che consentano di rimpinguare la dote per gli insegnanti.

Funzionari e dirigenti di ministeri e Presidenza
Dall'ultima versione del Ddl è scomparsa l'istituzione di un fondo da 100 milioni a partire dal 2021 che avrebbe consentito di aumentare il trattamento accessorio dei funzionari e dei dirigenti di ministeri e presidenza del Consiglio.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...