Foto dei figli sui social: la battaglia tra i genitori in 9 casi

2/10Diritto

Diritto all’immagine e web/La sfilata di madre e figlia in costume da bagno

default onloading pic
(© Marc Soler)

Far partecipare una bambina di tre anni a una sfilata in costume da bagno a scopo promozionale di un negozio di biancheria intima presso un locale senza il consenso di entrambi i genitori ma solo della madre che sfilava con lei è un fatto illecito, anche perché le foto della bimba sono state poi pubblicate su Facebook senza oscurare il volto. Lo ha chiarito il Tribunale di Ravenna a cui si è rivolto il padre per ottenere il risarcimento del danno dal negozio di biancheria intima e dal locale, lamentando la violazione del regime giuridico dell'affido condiviso che prevede la compartecipazione dei genitori a tutte le scelte che quotidianamente riguardano i figli minori.
Il Tribunale (sentenza 1038 del 15 ottobre 2019) ha però negato il risarcimento perché il padre era presente alla sfilata e non si è opposto alla sua realizzazione. Secondo i giudici il suo atteggiamento inerte ha determinato il danno lamentato che avrebbe potuto essere evitato impedendo alla figlia di partecipare alla sfilata.

Riproduzione riservata ©

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...