ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa pronuncia

Diritto d’autore, la Consulta: legittima la decretazione d’urgenza

Secondo la Corte costituzionale, è infondata la questione di legittimità sul Decreto che liberalizzò il mercato delle collecting

di Fr.Pr.

default onloading pic
Per la Corte Costituzionale era legittima l’urgenza del decreto che liberalizzò il diritto d’autore (Ansa)

Secondo la Corte costituzionale, è infondata la questione di legittimità sul Decreto che liberalizzò il mercato delle collecting


1' di lettura

Il ricorso alla decretazione d’urgenza per disciplinare l’intermediazione del diritto d’autore anche in favore di organismi di gestione collettiva diversi dalla Siae era sorretto da adeguate ragioni di necessità e urgenza. È quanto ha affermato la Corte costituzionale con la sentenza numero 149 depositata lunedì 13 luglio (relatore Giuliano Amato), dichiarando perciò non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’articolo 19, comma l, del decreto legge numero 148 del 2017, convertito, con modificazioni, nella legge numero 172 del 2019, sollevata dal Tar del Lazio per violazione dell’articolo 77, secondo comma, della Costituzione (carenza dei presupposti di necessità e urgenza).

Esulta Soundreef

Con la disposizione censurata il Governo ha inteso eliminare l’esclusiva della Siae nell’attività d’intermediazione dei diritti d’autore, che aveva già destato dubbi di compatibilità con il diritto europeo, non ancora tradotti in una procedura d’infrazione, che il Governo in questo modo ha evitato. Esultano in casa Soundreef, collecting privata che negli ultimi cinque anni ha ingaggiato un braccio di ferro giudiziario con la Società autori ed editori: «Accogliamo con entusiasmo la pronuncia della Corte Costituzionale sulla decisione che indica in modo inequivocabile la strada verso una completa liberalizzazione del sistema di intermediazione dei diritti d’autore», dichiara il fondatore Davide d’Atri.«Questa è un’ulteriore conferma per tutti gli autori e gli editori che chiedono di poter scegliere il proprio intermediario. Il mercato dei diritti d’autore è complesso, la battaglia che abbiamo iniziato nel 2012 nell’interesse degli artisti ancora non è terminata ma sappiamo di essere sulla buona strada».

Per approfondire

Diritto d’autore mondiale da record grazie al digitale. Italia in flessione (-1,3%)

Leggi l’articolo


Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Francesco PriscoRedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: italiano, inglese

    Argomenti: economia della cultura e dell'entertainment, musica, libri, cinema, cultura, società

    Premi: Premio Giornalistico State Street 2018 - Categoria: Innovation

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti