piogge e neve

Disagi e black-out, Italia sferzata dal maltempo. Valli isolate in Alto Adige

La Protezione civile ha disposto per sabato 16 novembre un'allerta rossa sul Veneto centro-nord e un'allerta arancione sulla provincia di Bolzano, su alcuni settori del Veneto, sul Friuli Venezia Giulia occidentale, sul Lazio centro-meridionale, sul versante occidentale dell'Abruzzo, su Umbria, su parte del Molise


default onloading pic
(ANSA)

3' di lettura

Grossi disagi e problemi, con ritardi e difficoltà nei collegamenti ferroviari e stradali, black out e località isolate, per il maltempo e le piogge intense che da giorni continuano a colpire gran parte dell'Italia, e si apprestano a flagellare anche il fine settimana. L'Alto Adige è una delle zone più interessate alla perturbazione che dal 14 novembre sta transitando sul Centro-Nord, Campania e Sardegna, con abbondanti nevicate in particolare sulle Alpi centro-orientali. In Alto Adige la situazione più critica: isolate dalla neve caduta abbondante nelle ultime ore la Val Badia, la Val Senales, Valle dei Molini e la Val di Tures.

Veneto assediato dal maltempo
Osservato speciale il Veneto, e in particolare Venezia, finita ancora una volta sott'acqua per il fenomeno dell'acqua alta, che ha segnato un picco di marea di 154 centimetri: paralizzate tutte le attività, scuole chiuse e vaporetti fermi, allagato il 70% del centro storico. A Vicenza, il Comune ha dichiarato lo "stato di attenzione" in città per l'ondata di maltempo. Monitorato soprattutto il fiume Bacchiglione, anche in ricordo dell'alluvione del 2010, il cui livello è salito repentinamente arrivando a fine giornata a 3,80 metri.

Prima neve e black-out nel Nord Ovest
Grossi problemi meteo anche per il Nord Ovest che si ritrova imbiancato fino a quote collinari, l'entroterra del Ponente Ligure compreso, e afflitto da numerose interruzioni di corrente oltre ad essere battuto dalle mareggiate. La situazione più complessa è in Piemonte dove è caduta la prima neve a bassa quota della stagione. Da registrare numerosi black-out nell'erogazione dell'elettricità per la caduta di alberi sui fili, difficoltà sulle strade e traffico ferroviario in difficoltà se non addirittura sospeso in alcune zone. La provincia più colpita dai black out è quella di Cuneo, con 15mila utenze senza luce.

Versilia sotto la pioggia
Maltempo anche in Toscana: all'alba una tromba d'aria ha raggiunto Marina di Carrara (Massa Carrara) devastando il ristorante di un hotel sul lungomare e danneggiando anche alcuni stabilimenti balneari. Sempre in Versilia, i sessanta millimetri di pioggia cadute su Pietrasanta in 12 ore hanno provocato l'innalzamento dei torrenti Baccatoio e Fiumetto, ora tenuti sotto osservazione da Comune e Consorzio di Bonifica. Ad Anghiari (Arezzo) un torrente è esondato trascinando via un'auto con a bordo un automobilista tedesco. L'uomo si è salvato, ma la vettura è stata trascinata via dalla corrente.

Rallentamenti sulla linea AV Roma-Napoli
A sud di Roma la circolazione ferroviaria ha subito forti rallentamenti sulla linea AV Roma -Napoli, per un guasto agli impianti di circolazione dei treni fra Ceccano e San Giovanni, probabilmente legato al maltempo che sta interessando la zona. Per decisione del Sindaco a Perugia sabato 16 novembre tutte le scuole e l'Università resteranno chiuse a causa dell'allerta meteo codice arancione (criticità moderata) per rischio idrogeologico ed idraulico.

Giallo, arancione, rosso: come funziona l’allerta meteo della Protezione civile

La situazione metereologica non migliorerà nei prossimi giorni. I meterologi confermano infatti l'arrivo di una nuova perturbazione nel week end. Previsti temporali anche forti, possibili nubifragi, e allagamenti nel Centro Italia. Possibili nubifragi e disagi in particolare tra Toscana, Umbria e Lazio, e sulla Capitale. Precipitazioni sono previste anche al Nordest e nuove nevicate sulle Alpi in genere dalle quote medie. Nevicherà anche sull'Appennino settentrionale, fin sotto i 1.000 metri su quello emiliano. Il Sud rimarrà ai margini dell'azione ciclonica, ma il vento soffierà ancora forte tra Ponente, Libeccio e Scirocco con mari molto mossi o agitati. Possibile ancora acqua alta a Venezia

Il quadro allerte della Protezione civile
In questo scenario, la Protezione civile ha disposto per sabato 16 novembre un'allerta rossa sul Veneto centro-nord e un'allerta arancione sulla provincia di Bolzano, su alcuni settori del Veneto, sul Friuli Venezia Giulia occidentale, sul Lazio centro-meridionale, sul versante occidentale dell'Abruzzo, su Umbria, su parte del Molise. Allerta gialla sulla Provincia di Trento, sui restante Veneto, sul Friuli orientale, su Emilia Romagna, Toscana, Marche, sui resto del Lazio, Abruzzo e Molise, su Campania nord-occidentale, sulla Calabria sud-orientale e sulla Sicilia nord-orientale.

Per approfondire
Meteo, Italia nell'occhio del ciclone, acqua alta a Venezia

Maltempo, Dolomiti e Prealpi: cresce il pericolo valanghe

Fondo di solidarietà Ue, 277 milioni per i danni del maltempo 2018

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...