ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùmedia

Disney, trimestrale oltre le attese prima del debutto nello streaming di Disney+

Alla vigilia del lancio della piattaforma di gruppo, il gruppo americano saluta utili per azione pari a 1,07 dollari ed entrate da 19,1 miliardi. Cinema trainato dal «Re Leone»

di Marco Valsania


"Il Re Leone", remake in live action del classico Disney del 1994

2' di lettura

New York - Disney mette a segno risultati trimestrali superiori alle previsioni, prova della nuova forza del gigante multimediale americano e globale adesso che ha integrato gli asset pregiati della 21st Century Fox di Rupert Murdoch e che si prepara all’ingresso in grande stile nello streaming. Il gruppo guidato da Bob Iger, che con Disney+ farà partire la sua sfida a Netflix da martedì 12 novembre, ha riportato nel suo quarto trimestre fiscale terminato a fine settembre profitti di 1,05 miliardi di dollari, più che dimezzati rispetto all’anno scorso ma pari a utili per azione pari a 1,07 dollari contro i 95 centesimi attesi.

Titolo al +20% da inizio anno
Le entrate si sono contemporaneamente impennate del 34% a 19,1 miliardi, a loro volta al di sopra dei pronostici. A Wall Street nel dopo mercato il titolo ha guadagnato il 5%, oltre quota 140 dollari, e si trova in rialzo di oltre il 20% da inizio anno. Disney ha evidenziato la propria avanzata in tutti i segmenti di business: le reti televisive hanno registrato entrate per 6,5 miliardi, lievitate del 22%, anche se gli utili operativi sono scivolati del 3% a 1,8 miliardi. La divisione dei parchi tematici e dei prodotti al consumo ha rastrellate 6,7 miliardi di revenue, in rialzo dell’8%, e i suoi utili operativi sono saliti del 17% a 1,4 miliardi.

Effetto «Re Leone» sugli studios
Gli studi cinematografici hanno generato un fatturato di 3,3 miliardi, in aumento del 52%, e i profitti di gestione sono balzati del 79% a 1,1 miliardi grazie al successo di film come il remake de Il Re Leone . L’attività digitale e internazionale, raggruppata nella divisione Direct-to-consumer, ha contribuito revenue di 3,4 miliardi e sofferto perdite di gestione pari a 740 milioni, inferiori ai 900 milioni temuti. Iger ha affermato di essere «entusiasta» dell’imminente lancio del servizio di streaming Disney+, che costerà ai consumatori 6,99 dollari al mese, meno di Netflix e più del servizio quello appena decollato di Apple.

Accordi con Amazon, Samsung e Lg
Nel suo menù Disney+ farà leva su prodotti targati, oltre che Disney, anche Marvel e Pixar, sulla serie di Guerre Stellari e sul canale National Geographic. Nelle ultime ore Disney ha inoltre annunciato un accordo con Amazon per la distribuzione del suo nuovo servizio streaming attraverso la Fire Tv del leader dell’e-commerce. Altre intese le ha raggiunto con Samsung e Lg per includere Disney+ nelle smart Tv dei produttori coreani.

LEGGI ANCHE:

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...