AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùBeverage & MErcati

Divisione asiatica Ab InBev vola al debutto a Hong Kong

Il colosso della birra ha quotato la divisione asiatica raccogliendo 5 miliardi di dollari. E' la seconda Ipo più grande del 2019 dopo Uber

di Enrico Miele

default onloading pic

Il colosso della birra ha quotato la divisione asiatica raccogliendo 5 miliardi di dollari. E' la seconda Ipo più grande del 2019 dopo Uber


2' di lettura

La divisione asiatica del colosso della birra Anheuser-Busch InBev vola al suo debutto sulla Borsa di Hong Kong con un guadagno di oltre il 7%. Si tratta della seconda più grande Ipo al mondo realizzata nel 2019 alle spalle solo di Uber Technologies. La settimana scorsa, infatti, la Budweiser Brewing Company Apac – che racchiude le attività dell’area asiatica del gruppo – ha raccolto circa cinque miliardi di dollari, che si sono tradotti in una capitalizzazione iniziale alla Borsa di Hong Kong pari a 45 miliardi di dollari.

Ipo più grande del 2019 dopo Uber. Ora è caccia alle acquisizioni
I fondi raccolti, secondo molti analisti, serviranno a ridurre l’indebitamento e a gettare le basi per possibili acquisizioni future. Le azioni sono state inizialmente collocate a 27 dollari di Hong Kong, ma già nella seduta odierna hanno toccato un massimo di 28,9. «Abbiamo assistito a una domanda molto solida per le nostre azioni quando abbiamo tenuto il roadshow» ha spiegato Jan Craps, amministratore delegato di Budweiser Brewing Apac, in un briefing tenutosi a Hong Kong. «Siamo fiduciosi – assicura – che qui ci siano solide basi». Il debutto a +7% rappresenta una conclusione incoraggiante per quello che è stato un percorso di Ipo fin qui burrascoso. Budweiser Brewing, infatti, inizialmente prevedeva di sbarcare a Hong Kong come azienda da 64 miliardi di dollari, ma il progetto a luglio è stato accantonato a causa della domanda debole. Al secondo tentativo, la Ab InBev ha rilanciato l'offerta ma solo dopo aver venduto le sue attività australiane alla giapponese Asahi Group Holdings per circa 11 miliardi di dollari. In questo modo si è dimezzata la dimensione della divisione che racchiude le attività legata all’area dell’Asia e del Pacifico. Il debutto di Budweiser potrebbero ridare fiato anche ad altre possibili quotazioni a Hong Kong, rimaste in stand by a causa delle proteste antigovernative che da mesi riempiono le piazze.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti