ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLe domande per i fondi

Dl extra costi, altre 100 gare per il Pnrr entro fine anno

A disposizione per gli oneri aggiuntivi ci sono 8,8 miliardi: per metà si candida Rfi (Fs) con 55 progetti

di Giorgio Santilli

Meloni frena la polemica con Draghi sui ritardi del Pnrr

2' di lettura

Sono oltre cento i progetti infrastrutturali del Pnrr e del Piano nazionale complementare (Pnc) presentati al ministero delle Infrastrutture per accedere al fondo opere indifferibili finanziato con 8,8 miliardi dai decreti legge 50 e 115 del 2022. Ai 7,5 miliardi per le opere Pnrr si erano aggiunti 1,3 miliardi da destinare a Pnc e ai lavori delle Olimpiadi Milano-Cortina.

Rfi in campo per la metà dei fondi

Alla metà esatta di questi fondi si è candidata Rete ferroviaria italiana, la società del gruppo Fs guidata da Vera Fiorani, che ha una parte molto rilevante del Recovery Plan italiano e ha presentato 55 istanze relative ad altrettanti progetti, per complessivi 4,4 miliardi di maggiori oneri tra opere del Pnrr e opere commissariate (anche questa categoria poteva partecipare).

Loading...

Tutte le domande accolte dovranno tradursi rapidamente in gare o procedure di affidamento che vanno avviate - come condizione posta dalla norma - entro il 31 dicembre.

L’indicazione di Giovannini

Una decina di giorni fa era stato il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, a dire che entro la fine dell’anno sarebbero partite altre 55 gare del Pnrr: questo numero è andato crescendo, ovviamente, con l’avvicinarsi della scadenza della domanda.

Le prossime tappe

Siamo infatti a due giorni dal termine del 17 ottobre entro cui le stazioni appaltanti devono presentare ai ministeri di riferimento le domande per coprire i maggiori costi sulle opere creati dai rincari delle materie prime e i ministeri, a loro volta, presentare istanza al Mef. Sarà poi il ministero dell’Economia, entro il 16 novembre, a emanare un decreto con una graduatoria delle opere che saranno ammesse ai fondi.

Per presentare domanda e poi accedere ai fondi, le stazioni appaltanti devono applicare all’opera in questione prezziari aggiornati nel corso del 2022 e presentare il nuovo quadro economico dell’intervento ricavato appunto dall’aggiornamento dei prezzi.

Il rush finale

L’intervento avviato dagli articoli 26 e 27 del decreto legge 50 punta a superare la fase di stallo delle gare seguito ai rincari delle materie prime e poi dell’energia. Il governo Draghi è prontamente intervenuto garantendo alle grandi stazioni appaltanti come Rete ferroviaria italiana e agli enti territoriali i fondi necessari per aggiornare i costi dei progetti e sbloccare le opere. Questo rush finale deve servire proprio a rimettere in carreggiata il Pnr e il Pnc che rischiavano di deragliare se non si fosse rimessa rapidamente in moto la macchina delle gare e degli appalti.

Osservatorio PNRR

Notizie e analisi

Il monitoraggio del Sole 24 Ore sullo stato di avanzamento del Piano nazionale di ripresa e resilienza attraverso notizie, analisi, documenti e video, un puntuale lavoro di monitoraggio dello stato di avanzamento. Vai all'Osservatorio

Numeri e infografiche

Una serie di infografiche navigabili per conoscere nel dettaglio tutte le facce del PNRR: le missioni, i costi, gli obbiettivi da centrare semestre per semestre. Vai alla sezione numeri e infografiche

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti