il via libera in commissione

Dl fisco: dal 2021 il 730 slitterà al 30 settembre. Rimborsi da ottobre

La revisione della data per il termine finale dell'invio del modello 730 mette a rischio la tempestività dei rimborsi dei crediti fiscali (o alternativamente della trattenuta dei debiti)

di Luca De Stefani


Di Maio: carcere a evasori in dl fiscale, per noi imprescindibile

2' di lettura

La commissione finanze della Camera ha approvato nella notte un emendamento del decreto fiscale che riscrive il calendario fiscale, con la scadenza del 730 che passa, a partire dal 2021, dal 23 luglio al 30 settembre. Cresce anche la platea dei contribuenti che possono usare la dichiarazione 730 invece dell’ex Unico: oltre ai dipendenti e ai pensionati, possono presentarlo anche i titolari di redditi assimilati a quello di lavoro dipendente e i titolari di redditi di lavoro autonomo occasionale.

Queste le altre nuove scadenze:
1) spostamento dal 7 al 16 marzo del termine di trasmissione delle certificazioni uniche da parte dei sostituti d'imposta;
2) e dal 15 aprile al 30 aprile del termine per la messa a disposizione dei contribuenti della dichiarazione precompilata.

Rimborsi anticipati
Il vice ministro dell'Economia Laura Castelli, dopo il voto della commissione: «Lo slittamento dei termini non fa slittare l'erogazione dei rimborsi che, in molti casi, come per i pensionati, vengono anticipati. Non sono poi trascurabili i possibili riflessi occupazionali con l'impegno temporale maggiore che viene richiesto a Caf, Patronati e professionisti abilitati».

A rischio la tempestività dei rimborsi dei crediti fiscali
Fino a oggi, in genere, i conguagli a credito o a debito da 730 si sono effettuati a partite dalle «retribuzioni di competenza del mese di luglio» (articolo 19, decreto 164/1999). Considerando che l'agenzia delle Entrate ha tempo 10 giorni per inviare ai sostituti d'imposta i risultati contabili dei modelli 730 (cioè i 730-4, necessario per le operazioni di conguaglio), se il contribuente presenta il modello 730 alle Entrate o ad un Caf a ridosso della scadenza del 23 luglio, il 730-4 può arrivare ai sostituti d'imposta nei primi giorni di agosto, spesso, in tempo non sufficiente per inserire il conguaglio a credito (o a debito) nel cedolino di luglio. Ecco che si andrebbe con la busta paga di agosto, con pagamento, solitamente, i primi di settembre. Per i pensionati, invece, l'eventuale rimborso si ha con le pensioni di competenza di agosto o settembre.

Con il nuovo termine del 30 settembre, quindi, i dipendenti potrebbero ricevere i rimborsi a partire dalla retribuzione del mese di ottobre, che solitamente viene pagata nei primi giorni di novembre. Ciò converrebbe solo a chi ha conguagli a debito.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...