sì agli emendamenti

Cambia il decreto imprese: prestiti garantiti al 100% fino a 30mila euro in 10 anni, all’80% fino a 800mila euro in 30 anni

La proposta di modifica nelle commissioni Finanze e Attività produttive interviene anche sui tassi di interesse applicato

Dl imprese, ecco i 4 passi per ottenere il credito

La proposta di modifica nelle commissioni Finanze e Attività produttive interviene anche sui tassi di interesse applicato


2' di lettura

Novità importanti per le aziende nel decreto imprese all’esame del Parlamento. Via libera dalla Camera all'emendamento bipartisan, riformulato dai relatori, al Dl imprese che estende a 10 anni, da sei, il tempo della restituzione dei prestiti fino a 25mila euro erogati con garanzia fino al 100% del Fondo centrale per le Pmi. La correzione è stata approvata dalle commissioni Finanze e Attività produttive. La proposta di modifica, portata avanti da M5S e sulla quale c'è stata la convergenza di posizioni analoghe degli altri gruppi, interviene anche sui tassi di interesse applicato, che non potrà superare il tasso di rendistato con durata analoga al finanziamento maggiorato dello 0,2 per cento.

Garanzia al 100% sale da 25 a 30mila euro
Inoltre la garanzia pubblica al 100% offerta dal Fondo centrale per le Pmi su prestiti fino a 25mila euro arriverà fino a 30mila mila. Lo stabilisce un ulteriore emendamento di maggioranza riformulato al Dl imprese approvato dalle commissioni Finanze e Attività produttive della Camera, che accoglie indicazioni analoghe espresse anche dalle opposizioni.

Restituzioni fino a 30anni prestiti fino a 800mila euro
Altra novità importante. I prestiti fino a 800mila euro, con garanzia pubblica fino all'80% e quella di Confidi per arrivare al 100%, potranno essere restituiti in una durata fino a 30 anni. È il nuovo meccanismo illustrato dal sottosegretario all'Economia, Pier Paolo Baretta, nelle commissioni Finanze e Attività produttive, inserito nel Dl imprese. La novità è introdotta da un emendamento Pd, riformulato dai relatori, che raccoglie il consenso anche dalle opposizioni.

«È stata una decisione di buon senso - sottolinea Gianni Dal Moro del Pd - che rappresenta un aiuto concreto e diretto per le nostre imprese e in particolare alle pmi che fino a 3,2 milioni di fatturato 2019 potranno chiedere il finanziamento fino al 25% di quella cifra restituendolo entro 30 anni con la copertura delle garanzie pubbliche fino all’80% e con il 20% di copertura Confidi».

Prevista autocertificazione
Arriva l'autocertificazione per velocizzare le procedure di erogazione dei finanziamenti delle aziende in difficoltà. Lo prevede un emendamento al dl imprese approvato nelle commissioni Finanze e Attività produttive della Camera che viene incontro alle richieste di alcuni esponenti della magistratura, della Banca d'Italia e delle banche avanzate nelle scorse settimane, Nel testo si prevede anche un «protocollo d'intesa sottoscritto tra il Ministero dell'Interno, il Ministero dell'Economia e delle Finanze e SACE» per la prevenzione «dei tentativi di infiltrazioni criminali».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...