ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa sentenza

Docenti: mai registrare la lezione, neppure per migliorare la didattica

La Cassazione dà torto all’insegnante: aveva impugnato l’ordine di servizio del dirigente dell’istituto che gli aveva vietato di registrare le lezioni nelle classi

di Pietro Alessio Palumbo

2' di lettura

La voce di una persona registrata con un apparecchio elettronico costituisce «dato personale» se e in quanto consente di identificare a chi appartenga. Con la sentenza 14270/2022 la Corte di Cassazione ha evidenziato che durante la registrazione della lezione che si svolge in una classe possono essere contenuti interventi degli studenti la cui identità è facilmente identificabile trattandosi di una comunità assai ristretta.

La vicenda

Nella vicenda il docente aveva impugnato l'ordine di servizio del dirigente dell'Istituto scolastico che gli aveva vietato di registrare le lezioni nelle classi. Secondo gli studenti non solo il professore non li aveva informati della registrazione ma aveva persino “nascosto” il registratore dietro ai libri. Per i giudici il docente aveva compiuto una scelta arbitraria in quanto unilaterale non partecipata e senza richiesta di consenso. Le direttive ministeriali ma anche le istruzioni del Garante della privacy recitano che, in ogni caso, è rimessa alla valutazione dell'Istituto scolastico la possibilità di disciplinare la registrazione della lezione o l'uso di videofonini.

Loading...

Regolamento d’istituto

Nella specie il regolamento d'Istituto vietava l'uso di cellulari nelle classi; e tale divieto doveva ritenersi esteso a tutti gli apparecchi comunque idonei a registrare audio o video durante le lezioni. Al di là della disciplina ministeriale sulla tutela della privacy degli studenti il docente aveva dunque violato un preciso divieto legittimamente posto dalla regolamentazione d'Istituto. Per altro verso gli interessati in questione erano minorenni per cui in tutte le decisioni doveva avere principale considerazione il superiore interesse del “fanciullo” così come espressamente disciplinato dalla Convenzione di New York del 1989. Nel bilanciamento dei contrapposti interessi, pertanto, nessuna norma o principio di rango costituzionale garantiva al docente il diritto di registrare le proprie lezioni con potenziale registrazione anche delle conversazioni degli studenti. In tali circostanze è quindi assolutamente legittimo il divieto del dirigente scolastico di utilizzare registratori in classe al fine di tutelare al “riservatezza” degli alunni. E a tale riguardo – ha sottolineato la Suprema Corte – è del tutto superfluo che il docente abbia dichiarato di voler fare un uso “esclusivamente” personale delle registrazioni al fine di migliorare la propria didattica. Se sono (anche solo potenzialmente) presenti interventi degli studenti registrare la lezione non è possibile.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati