ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùL’incontro in Vaticano

Martedì primo faccia a faccia tra il Papa e Meloni

Udienza, alle 10, al Palazzo apostolico. Una occasione per un primo scambio di vedute sui problemi che interessano l’Italia

(ANSA)

2' di lettura

Primo incontro ufficiale martedì mattina in Vaticano tra il Papa e la premier Giorgia Meloni. Nei giorni scorsi c’era stata una stretta di mano, in occasione del funerale di Benedetto XVI, e questa mattina si terrà l’udienza, alle 10, al Palazzo apostolico. Una occasione per un primo scambio di vedute sui problemi che interessano l’Italia. Nel discorso agli ambasciatori accreditati presso la Santa Sede il Pontefice ha detto: «Al caro popolo italiano, desidero rinnovare il mio incoraggiamento ad affrontare con tenacia e speranza le sfide del tempo presente, forte delle proprie radici religiose e culturali».

Un invito, quello di tornare alle “radici”, che suona nelle corde di Meloni e della compagine di governo. Quindi Papa Francesco ha parlato di «una ’paura’ della vita, che si traduce in molti luoghi nel timore dell’avvenire e nella difficoltà a formare una famiglia e mettere al mondo dei figli. In alcuni contesti, penso ad esempio all’Italia, è in atto un pericoloso calo della natalità, un vero e proprio inverno demografico, che mette in pericolo il futuro stesso della società».

Loading...

Il Pontefice, nei primi commenti dopo le elezioni, si è sempre mostrato aperto al nuovo governo italiano e ha anche sottolineato positivamente il fatto che fosse guidato da una donna. Dal canto suo Giorgia Meloni ha espresso parole di apprezzamento per il Pontefice. Una sintonia, tra le due sponde del Tevere, che vede nell’ombra il ruolo del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Alfredo Mantovano, molto apprezzato negli ambienti vaticani.

Ma se sulla natalità, il ruolo delle donne, la lotta alla povertà, sarà facile trovare una agenda comune, più problematica è invece la questione dei migranti, sulla accoglienza dei quali Francesco ha fatto uno dei punti cardine del suo pontificato. Anche se, come spesso dice, e anche oggi ha ribadito, è necessaria la “solidarietà” dell’Europa affinché l’accoglienza e l’assistenza “non gravino interamente sulle popolazioni dei principali punti d’approdo”. Al momento l’incontro in agenda è solo tra il Papa e la premier; è da verificare se e quando verrà inserita una ’finestra’ anche per un incontro bilaterale più ampio.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti