la nuova consultazione-

Venezia (per la quinta volta) al referendum per separarsi da Mestre

Mentre le forze di maggioranza di centrodestra si allineano al “non voto” propugnato dal sindaco Brugnaro, l’opposizione si divide tra il Pd, che invita ad andare alle urne e votare “no”, e il M5S che si schiera per il “sì”

di An.Ga.


Venezia: il Mose nel mirino, Spitz commissaria

2' di lettura

Si sono avviate regolarmente stamane le operazioni di voto in tutte le 256 sezioni elettorali nelle quali 206mila persone che risiedono nel territorio
comunale potranno votare per il quinto referendum sulla separazione amministrativa tra Venezia e Mestre. Si vota sino alle 23, e subito dopo vi sarà lo spoglio delle schede. In passato - nel 1979, nel 1989, nel 1994 - hanno sempre prevalso i 'no', mentre al quarto tentativo, quello del 2003,
non si arrivò nemmeno al quorum: l'affluenza si fermò al 39%, ma
anche allora prevalsero le schede con il 'no'. Sul mancato raggiungimento del quorum punta esplicitamente il sindaco lagunare, Luigi Brugnaro, dopo che il Consiglio di Stato a settembre aveva ribaltato la bocciatura del quesito da parte del Tar Veneto.

Campagna elettorale soft
Sulla scorta della decisione dei giudici amministrativi, la Regione Veneto ha velocemente indetto il referendum per il primo dicembre, ma la campagna elettorale è stata vissuta in maniera molto “soft”. I promotori della consultazione accusano il primo cittadino lagunare di aver voluto silenziare la propaganda per indurre i cittadini a non andare ai seggi. Brugnaro, da parte sua, dopo aver affermato che con la separazione «la città si ferma per 10 anni», nell'ultimo periodo è stato effettivamente impegnato in vicende più urgenti, innanzitutto l'emergenza per la grande acqua alta a 187 centimetri del 12 novembre e quelle eccezionali che l’hanno preceduta e seguita.

Le accuse di boicottaggio
I separatisti ritengono di essere stati boicottati nel loro 'diritto' alla propaganda, con ingiunzioni a ritirare gli striscioni appesi ai balconi del Canal Grande o diffide a effettuare volantinaggi durante la festa della Madonna della Salute. Proteste a cui l’amministrazione ha ribattuto
richiamando le norme di legge sulla pubblicità elettorale fuori dagli spazi consentiti.

Le posizioni dei partiti
Tra le forze politiche, le posizioni sono abbastanza chiare, anche se non mancano voci discordanti. Mentre le forze di maggioranza di centrodestra si allineano al 'non voto' propugnato da Brugnaro, l’opposizione si divide tra il Pd, che invita ad andare alle urne e votare 'no', e il M5S che si schiera per il 'sì' in nome del principio del “rispetto per la volontà popolare”, e protestando sul presunto boicottaggio da parte di Brugnaro. «Paura della democrazia, boicottaggio e pressione psicologica: a Venezia in questi giorni non viene risparmiato nulla» afferma la senatrice Orietta Vanin, citando gli episodi nei quali ai comitati separatisti sono stati fatti rimuovere dalla polizia municipale, perché non autorizzati, alcuni drappi favorevoli alla separazione che erano stati esposti ai balconi delle case. A sinistra la voce dissonante è quella di Felice Casson, ex candidato sindaco, che sostiene il sì alla separazione, assieme ad altri esponenti dem più a sinistra.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...