ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùStati Uniti

Donald Trump fa causa alla Cnn per 475 milioni: «Mi ha diffamato»

Contestato l’utilizzo della frase «The Big Lie», che secondo i legali dell’ex presidente Usa è stata usata dall’emittente più di 7.700 volte

Usa, Donald Trump indagato dall'Fbi per spionaggio

2' di lettura

L’ex presidente Usa Donald Trump ha citato in giudizio la rete televisiva all-news Cnn, chiedendo 475 milioni di dollari di danni, accusandola di diffamazione nel tentativo di bloccare qualsiasi futura campagna politica dell’ex numero uno statunitense.
La causa, depositata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti a Fort Lauderdale, in Florida, si concentra principalmente sul termine «The Big Lie». La frase è stata utilizzata dall’emittente per commentare alcune affermazioni di Trump e, secondo lui, gli è costata le elezioni presidenziali del 2020 contro Joe Biden.
La Cnn ha affermato di non avere commenti.

Le cause intentate dall’ex presidente Usa

Trump ha ripetutamente attaccato la Cnn anche quando era presidente. Allo stesso modo ha intentato cause anche contro grandi aziende tecnologiche con scarso successo. La sua causa contro Twitter, in seguito alla sua esclusione dalla piattaforma dopo l’insurrezione del Campidoglio del 6 gennaio 2021 è stata respinta da un giudice della California all’inizio di quest’anno.Numerosi funzionari elettorali federali e locali di entrambi i partiti, un lungo elenco di tribunali, i migliori ex membri dello staff della campagna elettorale e persino lo stesso procuratore generale di Trump hanno tutti affermato che non ci sono prove della frode elettorale.

Loading...

L’accusa: «The Big Lie» usata 7.700 volte

La causa di Trump afferma che la frase “The Big Lie” è stata usata in riferimento a lui più di 7.700 volte sulla Cnn. In una dichiarazione di lunedì 3 ottobre, Trump ha affermato che cause simili potrebbero essere intentate anche contro altre testate giornalistiche. E l’ex presidente ha detto anche che potrebbe intraprendere «azioni appropriate» contro il comitato della Camera che indaga sull’attacco del 6 gennaio al Campidoglio da parte dei suoi sostenitori.

La frenata del nuovo capo della Cnn

Da parte sua, il nuovo capo della Cnn Chris Licht ha esortato i suoi giornalisti, in privato in una riunione avvenuta più di tre mesi fa, ad astenersi dall’usare la frase perché troppo vicino agli sforzi democratici per marchiare l’ex presidente.

La causa arriva mentre Trump sta valutando una potenziale candidatura per la presidenza nel 2024.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti