nel cantiere del museo dell’informazione finanziaria

Dopo 100 anni riappare in un palazzo di Bankitalia il Bal Tic Tac di Giacomo Balla

Un Balla perduto in casa di Bankitalia

2' di lettura

È stato assolutamente fortuito, quanto eccezionale il ritrovamento di una tempera su muro del grande pittore futurista Giacomo Balla per il Bal Tic Tac, un locale dove negli anni Venti si suonava il jazz. È riapparso dopo un secolo in via Nazionale a Roma, al piano terra di un edificio di proprietà della Banca d'Italia che presto ospiterà il museo multimediale dell’informazione finanziaria e della moneta. «Una scoperta sensazionale» sottolinea il soprintendente alle Belle
Arti e all'Archeologia di Roma, Francesco Prosperetti.

GUARDA IL VIDEO - Un Balla perduto in casa di Bankitalia

Loading...
Riappare dopo 100 anni il Bal Tic Tac di Balla

Riappare dopo 100 anni il Bal Tic Tac di Balla

Photogallery16 foto

Visualizza

Il ritrovamento consiste in 80 metri quadrati di pitture originali sulle pareti e sul soffitto dove i colori, giallo, rosso, blu, marrone, rimasti incredibilmente integri.

Le decorazioni, il cui restauro è già in corso, saranno lasciate nella loro posizione originale, assicurano da Bankitalia e in un prossimo futuro saranno accessibili al pubblico: i locali del ritrovamento diventeranno parte del museo per l'educazione finanziaria della Banca d'Italia, la cui apertura è prevista per la fine del 2021.

Si credeva che tutto fosse andato perduto
«La scoperta - ha spiegato Massimo Omiccioli, direttore del Museo della Moneta di Banca d'Italia - è stata fatta all'inizio del 2017, durante i lavori per il Museo della Moneta che verrà aperto al pubblico nel 2021».

Nel locale, dove sono state ritrovate le pitture di Balla c'era stato per anni un noto negozio di lumi, ma molte altre attività avevano occupato quegli spazi dopo la decadenza del Bal Tic Tac, la sala da cabaret che aveva commissionato il lavoro di pittura a Balla inaugurato alla fine del 1921 da Filippo Tommaso Marinetti. Certo si sapeva dell'esistenza del locale e anche della decorazione fatta da Balla, ma si credeva che tutto fosse andato perduto. L'ambiente ora verrà studiato da una commissione di esperti, restaurato e alla fine aperto al pubblico.

Presto visitabile Casa Balla a via Oslavia
In occasione della presentazione alla stampa della tempera “perduta” di Balla, Bankitalia ha annunciato anche il completamento dei lavori per la messa in sicurezza di Casa Balla in via Oslavia a Roma, che prelude a una prossima apertura al pubblico. I lavori, effettuati in accordo con gli eredi del pittore, sono stati realizzati grazie al supporto della stessa Banca d'Italia e con la supervisione e collaborazione della Soprintendenza Speciale di Roma.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti