ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùmeteo mercati

Dopo la Fed scatta la corsa ai bond: rally BTp, tassi ai minimi da maggio

di Andrea Franceschi


default onloading pic
(AP)

3' di lettura

Le decisioni di politica monetaria comunicate ieri dalla Fed dopo il suo direttivo sono state più espansive del previsto e il mercato ha reagito comprando titoli di Stato americani innescando un netto calo dei rendimenti che, sulla scadenza a 10 anni, sono scesi dal 2,61% dell’apertura di giornata al 2,52% in chiusura di contrattazioni. Non si vedevano livelli simili da gennaio 2018. I rendimenti dei titoli di Stato Usa sono letteralmente crollati rispetto ai picchi (3,23%) toccati a novembre.

Andamento dello spread Btp / Bund

Il rally dei Treasury americani ha contagiato il resto del mercato obbligazionario globale. Questa mattina i rendimenti dei principali titoli governativi dell’eurozona (il cui andamento è inversamente proporzionale al prezzo) sono tutti in netto calo. A partire dal titolo che fa da riferimento al mercato: il bund. Il rendimento del decennale tedesco è sceso fino allo 0,041%, un livello che non si vedeva da ottobre 2016. Ma più del Bund la decisione della Fed favorisce titoli considerati più rischiosi. Come ad esempio i BTp italiani il cui rendimento a 10 anni è sceso di 8 punti rispetto alla chiusura di ieri arrivando a quota 2,44% come non accadeva da l 25 maggio dello scorso anno. Immediati i riflessi sullo spread Bund-BTp che è sceso sotto i 240 punti.

La Banca centrale Usa ha sorpreso gli investitori annunciando che non ci saranno rialzi dei tassi quest’anno. In un recentissimo sondaggio tra i gestori condotto da Bank of America Merrill Lynch il 41% degli intervistati si era dichiarato convinto che la Fed avrebbe messo in atto due rialzi dei tassi entro i prossimi 12 mesi; il 37% invece aveva scommesso su un rialzo mentre solo una minoranza (8%) aveva previsto quanto effettivamente deciso dalla Fed: cioè zero rialzi dei tassi.

La decisione insomma ha colto di sorpresa il mercato e ha avuto un impatto notevole anche sul mercato dei cambi con il dollar index, l’indice che monitora le quotazioni del biglietto verde rispetto alle principali controparti, in calo dello 0,3% rispetto ai livelli precedenti l’annuncio. Di riflesso si è visto un netto apprezzamento dell’euro sul dollaro (qui il grafico del cambio) con la moneta unica balzata oltre quota 1,14 come non accadeva da inizio febbraio. L’euro è arrivato ad apprezzarsi di quasi lo 0,8% sul biglietto verde dopo la decisione della Fed. Una fiammata decisamente anomala per il mercato valutario.

«Ogni residua probabilità di un rialzo dei tassi entro l’anno - si legge in una nota di Unicredit - è svanita con la recente decisione della banca centrale Usa. Alla luce della prudenza della Fed e di un’analogo atteggiamento da parte della Bce cè da escludere che i rendimenti del mercato obbligazionario (in forte calo da inizio anno ndr.) possano ripartire. Anche perché ci sono altri fattori che dovrebbero spingere il mercato a preferire il reddito fisso come l’incertezza sulla Brexit o quella sul negoziato Usa-Cina sui dazi».

Anche sul delicato fronte del bilancio la Fed si è mostrata più “colomba” del previsto. La banca centrale Usa ha accumulato fino a 4500 miliardi di dollari di titoli nel suo bilancio per effetto del piano di Quantitative easing. Nell’ambito del suo processo di “normalizzazione” la Fed, a partire dallo scorso anno, ha gradualmente smesso di riacquistare i titoli alla loro naturale scadenza portandolo di poco sotto quota 4000. Ma questo processo è destinato a subire un rallentamento a partire da maggio per poi interrompersi alla fine del terzo trimestre. La decisione era attesa ma i tempi sono più stretti del previsto. E ciò gioca a favore del mercato obbligazionario.

Il cambio di rotta delle banche centrali, che dall’inizio dell’anno hanno assunto un atteggiamento più accomodante alla luce dei rischi di rallentamento della congiuntura a livello globale, ha favorito il rally del mercato obbligazionario. Un trend iniziato alla fine dello scorso anno e consolidatosi in questi primi mesi del nuovo anno. Negli ultimi 6 mesi l’indice Merrill Lynch Developed Market Sovereign Bond che monitora le quotazioni dei principali titoli governativi dei mercati sviluppati ha guadagnato il 3,23% mentre quello dei mercati emergenti ha messo a segno un +5,42 per cento.

Da inizio anno i fondi che investono sul mercato obbligazionario hanno registrato un vero e proprio exploit in termini di raccolta con 65,79 miliardi di dollari di flussi netti in entrata. Numeri a cui fa fronte una debacle dei fondi azionari che invece hanno subìto riscatti per 46 miliardi netti.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Andrea Franceschiredattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Italiano, inglese

    Argomenti: Mercati, finanza, bond, azioni. obbligazioni, titoli di stato, banche, borsa, politica monetaria, Bce, Fed, tassi

Per saperne di più

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...