grande distribuzione

Dopo l’alleanza con Amazon, Pam Panorama punta sull’espansione all’estero

di Giovanna Mancini

default onloading pic
(Fotogramma)


2' di lettura

Crescita dell’area food, raddoppio dei punti vendita di piccola superficie e sbarco all’estero dell’insegna. Si annunciano due anni piuttosto impegnativi per Pam Panorama, società del Gruppo Pam che proprio in questi giorni festeggia i 60 anni di attività. Entro il 2020 la società investirà su questi tre fronti 120 milioni di euro, come ha annunciato l’amministratore delegato Gianpietro Corbari.

La spinta sull’innovazione, spiega Corbari, è fondamentale: «Non esiste una contrapposizione tra vendite online e offline. I due canali devono viaggiare insieme, per aumentare i servizi offerti ai clienti e adeguarli alle diverse esigenze».

L’e-commerce, pronostica l’ad di Pam Panorama, non sostituirà il negozio fisico, «a patto che la grande distribuzione sappia aprirsi alla digitalizzazione». Attenzione però: ciascuno deve fare il proprio mestiere, valorizzando e differenziando le competenze. Da qui la la partnership con Amazon per portare anche a Roma (dopo l’esperienza di Milano in collaborazione con Unes) il servizio di consegna Prime Now, inaugurato due settimane fa, che può contare su 8mila referenze alimentari e non fornite da uno dei più grandi punti vendita Pam Panorama della capitale. «Con questa esperienza combiniamo la tradizione di Pam e l’innovazione delle consegne Prime», sottolinea Corbari.

Attualmente l’attività e-commerce (in collaborazione con Supermercato24 e Amazon) vale circa l’1% del fatturato del Gruppo, che ha raggiunto i 2,4 miliardi di euro. Ma l’obiettivo è di aumentare esponenzialmente tale quota entro i prossimi cinque anni, raggiungendo l’1,5% già nel 2019. Contemporaneamente, crescerà anche la rete fisica, al cui sviluppo sarà destinata la metà degli investimenti per il prossimo biennio: attualmente Gruppo Panorama è presente sul territorio nazionale con oltre mille punti vendita e 9.500 dipendenti. Di questi, una sessantina sono quelli più piccoli, a insegna Pam Local, su cui si focalizzeranno le risorse, per portarne il numero da 60 a 100.

E-commerce, dunque, e punti vendita medio-piccoli. ma la crescita di Pam Panorama nei prossimi due anni punta anche sul segmento alimentare, che attualmente rappresenta il 95% del fatturato e dovrà raggiungere il 96%. strettamente legato a questo progetto, c’è quello più ambizioso dello sbarco all’estero: «Stiamo lavorando a un percorso di internazionalizzazione che ha come obiettivo far conoscere la nostra insegna nel mondo, ma soprattutto i tanti marchi italiani della filiera agroalimentare, che gode di un grande riconoscimento in tutto il mondo e rappresenta una grande ricchezza per il nostro Paese». Entro il 2020 il progetto sarà realizzato, probabilmente con un partner, ma in parte anche con attività dirette e un’integrazione con i canali online.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti