MERCATO DELL'ARTE

Dorotheum, il 2016 si chiude con ottimi risultati per gli Old Master

di Stefano Cosenz

default onloading pic
Jacopo Tintoretto, “La Battaglia tra Filistei e Israeliti”

4' di lettura

Tra le case internazionali di lingua tedesca, Dorotheum di Vienna occupa un ruolo importantissimo nel mercato occidentale anche per la forte presenza di collezionisti italiani interessati a cedere ed acquistare opere d’arte del nostro paese attraverso la casa austriaca. Va comunque fatto presente che la policy di ArtEconomy24 è di fornire ai lettori, in un’ottica di parità informativa, tutti i dati atti a definire il bilancio annuale di ciascuna casa d’aste e disapproviamo il fatto, come accade con Dorotheum, che la società non intenda fornire ai mass-media fatturato totale e per ciascun dipartimento, e percentuali del venduto che d’altronde devono costituire un’informazione trasparente e fruibile a tutti.

La casa annuncia che il 2016 è stato il migliore anno per i dipinti antichi, anche se non ci è noto conoscere il risultato totale. Il top lot è risultato con 1,2 milioni di euro, La Natività, della Bottega di Hans Mermling, pittore fiammingo di seconda generazione del XV secolo. Accanto a questa opera milionaria, una spettacolare tela di recente scoperta di Jacopo Tintoretto, maestro del manierismo veneziano del XVI secolo, La Battaglia tra Filistei e Israeliti, olio su tela 146 x 230,7 cm, è stata venduta per 907.500 euro. Nel 500° anniversario  della morte di Hieronymus Bosch, precursore dei surrealisti, un suo dipinto, Die Hölle, eseguito da uno dei suoi seguaci e raffigurante un inferno dai colori spaventosi e visionari, è stato venduto per 527.600 euro. Ad 868.733 euro è stata aggiudicata l’opera Il giudizio di Paride, una nuova scoperta della Bottega di Peter Paul Rubens, mentre il rame La caduta di Cristo sotto la croce risalente alla prima attività di Guido Reni ha raggiunto 491mila euro. La Sacra Famiglia con Sant’Anna di Huybrecht Bueckeleer, pittore fiammingo del XVI secolo, proveniente da una raccolta privata del sud della Germania, è stata aggiudicata per 430.742 euro.

Loading...
Dorotheum Vienna 2016

Dorotheum Vienna 2016

Photogallery7 foto

Visualizza

Nell’asta dei dipinti dell’Ottocento, la natura morta di Franz Xaver Gruber, il compositore del celeberrimo “Stille Nacht”, Flowers Piece with Roses, Daffodils, Hyacinthos and Primulas, 42,34 cm, stimata 3-4mila euro, ne ha realizzati 50mila, ottenendo il più alto prezzo mai pagato per un dipinto dell’artista. Tra gli altri record del XIX secolo, 125mila euro per un dipinto di Henri Camille Danger. Record mondiale per Eingang des Canal Grande del veneziano Pietro Galter venduto per 112.500 euro.

L’arte del presente. L’asta di giugno di arte contemporanea, considerato la migliore di sempre, ha visto una forte richiesta per l’arte italiana, primo fra tutti Lucio Fontana con il suo monocromo Concetto spaziale, Attese che ha raggiunto 735mila euro e a seguire il record per un’opera di Carla Accardi aggiudicata per 234.800 euro. Record mondiale anche per le opere di Rodolfo Aricò (137.200 euro) e per Emilio Scanavino (118.750 euro). Per quanto riguarda l’arte internazionale, il ritratto femminile Nancy Scribble dell’artista americano Tom Wesselmann ha riscosso particolare successo (350.508 euro) come anche la bagnante in bronzo del colombiano Fernando Botero (344.600 euro). Kompozicija no. 12 di Julije Knifer ha raggiunto 161.600 euro, prezzo più alto mai pagato in asta per un’opera dell’artista croata, che in maggio aveva già ottenuto il suo primo record di 137.200 euro. L’arte austriaca ha raggiunto eccellenti risultati con gli artisti contemporanei Franz West e Maria Lassnig.

L’asta di novembre di arte moderna è stata considerata la migliore di sempre. A pari merito nel settore, Baptême des masques dell’artista belga James Ensor, olio su tela del 1925-30 60 x 70 cm, venduto per 1.022.500 euro e il bouquet Fleurs di Marc Chagall del 1924 venduto con uguale importo. Anche l’arte austriaca si è distinta con record mondiali nello stesso dipartimento del moderno per le opere del secessionista Josef Engelhart: nove figure, quasi a grandezza naturale (ciascuna 48 x 143 cm), che rappresentano la Saga di Merlino realizzate per l’Esposizione mondiale del 1904 a St. Louis, aggiudicate per 582.400 euro, superando di gran lunga la stima di catalogo. Una scena di Venezia di Carl Moll ha raggiunto 176.670 euro, mentre Alfons Walde con Einsamer Berghof è stato aggiudicato per 344.600 euro. L’opera futurista Valori plastici di Giacomo Balla è stata aggiudicata per 320mila euro, mentre un paesaggio con alberi dell’artista espressionista tedesco Otto Mueller ha raggiunto 234.800 euro.

Nell’asta di Design, una dei cavalli di battaglia di Dorotheum, sei sedie Kodu disegnate da Franz West nel 1999 sono state aggiudicate per 106.250 euro, prezzo top della vendita, mentre una panca disegnata da Josef Hoffmann per il sanatorio di Purkersdorf ha raggiunto 94.255 euro. Josef Hoffmann ha dominato anche l’asta di Jugendstill di dicembre. Molti oggetti di questo artista universale e porta bandiera dell’arte austriaca hanno riscosso grande interesse, come il risultato di 149.900 euro raggiunto da una sua teiera in argento del 1905 di forma geometrica, prodotta dalla Wiener Werkstäten. Nell’asta di giugno, una catena da manicotto in argento di Kolo Moser, che Gustav Klimt regalò alla sua musa e amica di lunga data Emilie Flöge, è stata aggiudicata per 198.200 euro.

Secondo top lot dell’anno è stato raggiunto dal dipartimento delle auto classiche di Dorotheum con la vendita di una Mercedes-Benz 300 SL del 1958 che ha trovato nuovo acquirente per 1.067.000 euro, mentre è continuata la richiesta di gioielli nel 2016, con ottime aggiudicazioni per monili con grandi pietre, soprattutto con diamanti e per marchi noti come Bulgari. L’asta di 130 gioielli “cinetici” dell’orafo tedesco Friedrich Becker, artista del Gruppo Zero, ha confermato l’interesse internazionale per monili contemporanei.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti