Interventi

Draghi, governatore al servizio dell’economia e della società

di Domenico Bodega


default onloading pic

3' di lettura

Esattamente un mese fa la Banca centrale europea ha consolidato la sua politica monetaria quale robusto strumento di contrasto alle contrazioni del ciclo economico dell’Eurozona. Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha definito un piano di stimoli monetari all’economia destinati a durare nei prossimi anni, senza attribuire limiti temporali alla nuova fase espansiva: il rinnovato programma di acquisto di titoli sul mercato ha durata indefinita, i tassi d’interesse rimarranno sui livelli attuali fino a quando la convergenza del tasso d’inflazione verso l’obiettivo del 2% non sarà raggiunta, «in linea con il proprio impegno simmetrico sull’obiettivo d’inflazione».

Sono decisioni che comprendono premesse di valore precise, che rispecchiano appieno la capacità e la disponibilità ad assumere, ancora una volta, tutte le misure necessarie per garantire la sopravvivenza dell’unione monetaria europea e il futuro economico dell’Eurozona.

Ora Mario Draghi lascia spazio a Christine Lagarde, alle proposte di revisione del quadro istituzionale europeo che prevedono regole più flessibili e più favorevoli alla crescita e, soprattutto, una politica fiscale espansiva.

Oggi, alle 11.30 nell’aula magna, l’Università Cattolica del Sacro Cuore attribuisce a Draghi la laurea honoris causa in Economia quale «riconoscimento alla rilevanza della sua opera di governatore della Banca d’Italia e del ruolo decisivo di presidente della Banca centrale europea. Conoscenza e azione, studio teorico al servizio della società».

La personalità di Mario Draghi si è distinta in una situazione economica eccezionale caratterizzata da livelli assai elevati d’incertezza e di ambiguità, quando i risultati non potevano essere facilmente misurati o quantificati, quando le modalità e gli strumenti per raggiungere gli obiettivi attesi di stabilità e d’integrazione non erano ben conosciuti e i rapidi cambiamenti nel contesto sociale e istituzionale creavano forti pressioni su decisioni e risultati.

In questi anni alla guida della Banca centrale europea, Mario Draghi ha dimostrato abilità di pensiero sistemico nell’identificare e comprendere «lo spazio di influenza» nel quale operare, mantenendo vivo il sogno di un continente unito non soltanto dal punto di vista monetario, ma anche politico, operando nel solco della tradizione dei padri fondatori dell’Europa moderna.

Guidare, dirigere, definire le scelte e le azioni di un’istituzione complessa che governa le scelte economiche di 19 Paesi, un prodotto interno lordo di 11mila miliardi di euro e 350 milioni di abitanti è affare di leadership. Agire per esortare la politica europea a procedere speditamente nella realizzazione delle riforme dell’architettura istituzionale e nel completare l’unione bancaria e del mercato dei capitali è affare politico. Dimostrare un’attuazione trasparente del Patto di stabilità e della procedura per moderare gli squilibri macroeconomici è affare di esempio pragmatico.

Leadership, diplomazia e capacità di persuadere sono qualità che il presidente della Bce Mario Draghi ha interpretato pienamente per ispirare decisioni personali su base cooperativa creando fiducia: fiducia nel comune comprendere, fiducia nelle probabilità di successo, fiducia nella soddisfazione ultima delle motivazioni emergenti da istanze plurime e diversificate di singoli Stati. È una leadership che ha garantito fiducia nella stabilità del sistema, ha arginato la crisi più profonda dal dopoguerra e ha ridotto la necessità d’interventi pubblici di emergenza.

È grazie a questo contributo straordinario fornito alla costruzione europea e a partire da queste premesse che si comprende perché l’unione monetaria è e sarà una priorità e un valore distintivo da tutelare.

A ciascuno di noi la responsabilità storica di assumere una direzione coerente.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...