ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùil nuovo governo

Draghi prepara programma e nomi. «Lavoro e impresa per ricostruire»

Arriva l’appoggio di M5S e Lega, si va verso una maggioranza larga. Secondo giro con i partiti. Nessuna trattativa sui ministri. Vedrà anche le parti sociali

di Barbara Fiammeri

Appoggio di Lega e 5 Stelle, Draghi va oltre maggioranza "Ursula"

3' di lettura

Anche Matteo Salvini e Beppe Grillo dicono sì a Mario Draghi. Per il via libera definitivo bisognerà attendere fino a martedì sera, quando terminerà il secondo giro di consultazioni. Ma a oggi tutti i partiti, tranne Fratelli d’Italia, hanno offerto al premier incaricato la disponibilità a sostenere il suo Governo. Si chiude così questo primo round, con la prospettiva di una maggioranza ampia, quasi inimmaginabile solo la settimana scorsa. La Lega ha rotto gli indugi e come Forza Italia ha deciso di abbandonare l’opposizione. Il Movimento 5 Stelle è dilaniato al suo interno ma a questo punto pare scontato il sì anche a prezzo di qualche defezione. Anche nel Pd si avverte qualche scricchiolio, per la convivenza con Salvini nella stessa maggioranza, ma l’appoggio non è mai stato in discussione, tutt’al più i big potrebbero tirarsi indietro su una loro eventuale partecipazione diretta nella squadra di Governo. Sulla quale comunque nessuno al momento è in grado di fare previsioni.

Nel solco di Mattarella

Mario Draghi si muove nel solco indicato dal Capo dello Stato: un governo di alto profilo che non debba identificarsi con alcuna formula politica. Che quindi il perimetro vada oltre la maggioranza Ursula, ovvero con un allargamento limitato a Forza Italia, come avrebbe preferito il segretario dem Nicola Zingaretti, non può essere un elemento di discussione. Così come la composizione della squadra di Governo. Sarà compito di Draghi comporla. Da parte sua ha evitato qualunque anticipazione anche sul tipo di compagine (tecnica o meno). Lo farà presumibilmente nel round che si avvierà lunedì pomeriggio. L’ipotesi che resta prevalente è quella di un mix tra tecnici e politici. I nomi comunque non saranno oggetto di confronto. Il premier incaricato si è assunto la responsabilità della «sintesi» e seguirà il dettato costituzionale, consegnando la lista solo nelle mani del Capo dello Stato.

Loading...

Obiettivo «competenza»

In ogni caso, Draghi in questi giorni ha parlato esplicitamente a più interlocutori di puntare sulla «competenza» rispetto agli incarichi da coprire. Un’espressione che potrebbe anche portare come diretta conseguenza ad alcune riconferme, a partire dal ministro uscente della Salute Roberto Speranza, che però deve fare i conti con i dubbi del suo partito, Leu, a restare in una maggioranza con Salvini. Nei colloqui l’ex presidente della Bce è stato ben attento a non fornire indizi ai suoi ospiti. Ha parlato soprattutto di obiettivi. E e il primo fra tutti è quello di ricostruire la «fiducia» nel Paese depresso dal Covid e dalla crisi sociale ed economica. Per farlo, ha ripetuto, bisogna puntare anzitutto su «lavoro e impresa» ma anche su «scuola e cultura». In che modo e con quale tipo di interventi lo spiegherà nel secondo giro di consultazioni che si concluderà martedì e nel quale manifesterà i punti salienti del suo programma di Governo. Concetti che saranno ribaditi anche negli incontri con le parti sociali che, presumibilmente, si terranno dopo la fine delle consultazioni con i partiti e la salita al Colle per sciogliere la riserva.

Nella partita del Recovery

Il confronto è stato utile per consentire ai partiti di elaborare la loro decisione e far decantare le asprezze provocate dalla crisi del Conte II. Ma anche per capire non solo le priorità programmatiche delle singole forze politiche ma i loro dubbi/timori. Salvini ha ripetuto anche in privato che non pone veti su nessuno e ha detto di essere pronto a «mettersi a disposizione». Anche sul programma è stato molto aperto (l’unica condizione irremovibile è il non aumento delle tasse) e infatti l’incontro si è risolto in poco più di una trentina di minuti. Il numero uno del Carroccio ha deciso di dare ascolto a chi gli chiedeva di non restare fuori dalla partita sul Recovery, ha confermato la sua fede «atlantista» e ha abbandonato i toni sprezzanti del passato sull’Europa: «Noi siamo in Europa e vogliamo far parte di un governo che difenda a Bruxelles a testa alta anche gli interessi dell’Italia». Parole che hanno suscitato la reazione ironica del vicesegretario del Pd Andrea Orlando:«Primo effetto Draghi. Salvini europeista in 24h».

In ribasso le quotazioni di Conte

Decisamente più complesso l’incontro successivo tra il premier incaricato e la delegazione del M5s guidata da Grillo, che era reduce da una tesa assemblea con i direttivi dei gruppi parlamentari a cui ha partecipato anche Giuseppe Conte. Le quotazioni di una possibile presenza dell’ex premier nella nuova compagine governativa sono in ribasso. E non è da escludere che questo possa avere ricadute sulla tenuta dei gruppi parlamentari, in particolare al Senato. Grillo al termine della consultazione ha lasciato al reggente Vito Crimi il compito di confermare la disponibilità del Movimento al nascente Governo. Ma solo martedì sera sapremo, per dirla con il fondatore M5s, se «le fragole sono mature».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti