ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùannuncio del finlandese Rehn

Draghi pronto a riarmare il bazooka: a settembre taglio dei tassi e apertura del Qe2

Il governatore della Banca centrale finlandese Olli Rehn preannuncia che il pacchetto di misure di stimolo per una politica monetaria più accomodante, alla prossima riunione della Bce il 12 settembre, andrà oltre le aspettative dei mercati. Rehn conferma l’arrivo del taglio dei tassi e la riapertura degli acquisti netti di attività, il QE2. I mercati hanno subito reagito: il rendimento dei Bund e BTp decennali è sceso

di Isabella Bufacchi


Bce, la conferenza stampa del presidente Mario Draghi

2' di lettura

Il governatore della banca centrale finlandese Olli Rehn, in una volata da colomba insolita per le sue posizioni solitamente più equilibrate, preannuncia che il pacchetto di misure di stimolo per una politica monetaria più accomodante, alla prossima riunione della Bce il 12 settembre, andrà oltre le aspettative dei mercati, sarà «notevole e di grande impatto». In un’intervista al WSJ, Rehn conferma l’arrivo del taglio dei tassi e la riapertura degli acquisti netti di attività, il Qe2. I mercati hanno subito reagito: il rendimento dei Bund a dieci anni ha toccato un nuovo minimo a -0,688% e il BTP decennale è sceso all’1,375%, livello che non si vedeva dall’ottobre 2016.

L’INTERVISTA AL SOLE 24 ORE / Rehn: Omt necessarie

QE2: maxi-acquisti in arrivo
Rehn, un draghiano e tra i candicati in pole position a prendere il posto di Mario Draghi che invece andrà a Christine Lagarde, ha detto che il rallentamento dell’economia mondiale è tale da portare la Bce ad annunciare un pacchetto di misure che dovrebbe includere un nuovo programma di acquisti “pesante e sufficiente”: le previsioni del mercato orbitano attorno ai 30-50 miliardi di acquisti netti al mese ma al di là delle dimensioni mensili quel che conta è l’impatto totale che se dovesse essere inferiore ai 500 miliardi deluderebbe le aspettative. Rehn ha detto che l’acquisto di azioni non è escluso a priori, in un eventuale nuovo QE della Bce, ma tutto dipenderà dal rapporto del comitato degli esperti che alla riunione di settembre valuteranno i pro e i contro di tutte le nuove misure.

LEGGI ANCHE / La Bce ribadisce: «Pronti ad agire». Attesa per il meeting di settembre

Taglio dei tassi: fino a che punto?
In quanto al taglio dei tassi d’interesse, e cioè delle depositi facilities ora a -0,40%, Rehn ha confermato che questa misura è nel pacchetto discusso nella riunione del Consiglio direttivo a settembre. Il mercato si aspetta come minimo un taglio dello 0,10% ma quel che veramente conta è capire se sarà il primo di una serie di tagli e fino a che punto la Bce è pronta a spingersi: circolano già pronostici di deposit facilities a -0,70%.

“Quando si ha a che fare con i mercati, è meglio andare oltre le loro aspettative e non deluderli, è meglio avere un pacchetto di misure di stimolo molto forti piuttosto che limitarsi alla messa a punto”, ha chiarito Rehn secondo il quale il pacchetto in arrivo andrà oltre le attese degli investitori.

LEGGI ANCHE / Bce, Draghi ricarica il bazooka. Ecco gli effetti a 7 anni dal «Whatever it takes»

Aumentano i rischi che minacciano l’economia europea
Rehn ha messo il pacchetto di misure Bce in arrivo nel contesto di una vasta gamma di rischi che stanno minacciando l’economia in Europa, tra questi la situazione politica instabile in Italia, il rallentamento economico in Cina, le incertezze sull’economia globale causate dalle tensioni della guerra commerciale tra Usa e Cina e infine la possibilità di una hard Brexit. Secondo Rehn, le prospettive sulla crescita economica in Europa si sono deteriorate negli ultimi due quesi e questo peggioramento “giustifica un’ulteriore azione di politica monetaria, e questo è quanto intendiamo fare a settembre”.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Isabella Bufacchivicecaporedattore corrispondente dalla Germania

    Luogo: Francoforte, Germania

    Lingue parlate: inglese, francese, tedesco, spagnolo

    Argomenti: mercato dei capitali, ECB watcher, fixed income e debito, strumenti derivati, Germania

    Premi: Premio Ischia Internazionale di Giornalismo per l’analisi economica, Premio Q8 per giovani giornalisti economici

Per saperne di più

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...