MOTO

Ducati chiude il 2020 con 48mila moto vendute. Cina in forte crescita (+26%) 

ll fatturato per moto sale a 14.883 euro (contro i 13.500 euro del 2019) rappresentando il valore più alto mai raggiunto nella storia dell’azienda

di Antonio Larizza

2' di lettura

Nonostante l’emergenza Coronavirus globale e l’interruzione della produzione per sette settimane, proprio nel picco di stagione, nel 2020 Ducati ha consegnato ai clienti di tutto il mondo 48.042 moto – erano state 52.183 nel 2019 - contenendo il differenziale di vendite rispetto al 2019 al -9,7%. Il fatturato, a chiusura dell’esercizio 2020, ha raggiunto i 676 milioni di euro, contro i 716 milioni di euro del 2019, con un margine operativo del 4%.

Domenicali: «Ducati redditizia anche nel 2020»

«Anche in questo difficile 2020, Ducati è rimasta redditizia con un cash flow molto positivo, il migliore mai registrato fino ad oggi», commenta Claudio Domenicali, ad Ducati Motor Holding.

Loading...

Italia primo mercato, Cina, Germania e Svizzera avanzano

Se a livello globale le vendite risultano in calo, non mancano aree in controtendenza. Un trend di crescita nelle vendite rispetto al 2019 è stato riscontrato da Ducati in Cina (+26%), Germania (+6,7%) e Svizzera (+11,1%). L’Italia rimane il primo mercato per Ducati, seguito dagli Stati Uniti.

Record di fatturato per moto venduta

Il fatturato per moto è cresciuto fino a 14.883 euro (contro i 13.500 euro del 2019) rappresentando il valore più alto mai raggiunto nella storia dell’azienda. «Grazie a una rigorosa politica di riduzione dei costi fissi – spiega Domenicali – siamo riusciti a limitare la caduta del margine operativo. Allo stesso tempo abbiamo diminuito notevolmente le scorte di magazzino con effetti positivi sul cash flow, che ad oggi è il migliore mai registrato. Gli investimenti sui nuovi prodotti non sono stati toccati, aprendo la strada ad uno sviluppo positivo di Ducati nel futuro».

Risorse per sviluppo e reparto corse

«La stabilità finanziaria – aggiunge Oliver Stein, CFO Ducati Motor Holding - è estremamente importante per l’azienda per poter sostenere lo sviluppo tecnologico, l’innovazione di prodotto, di processo e le attività del reparto Ducati Corse. Grazie a una solida base finanziaria, Ducati ha potuto mantenere invariato lo sviluppo di questi importanti pilastri anche in un momento così difficile».

Le novità del 2021

Nel corso del 2021 inizieranno le consegne della nuova gamma, tra cui spiccano la Ducati Scrambler Desert Sled Fasthouse il nuovo Monster. Le nuove Multistrada V4, SuperSport 950 e Ducati Scrambler Nighshift sono invece già disponibili in tutto il mondo presso i dealer Ducati.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti