Moto made in italy

Ducati, secondo semestre 2020 da record nonostante pandemia

La casa di Borgo Panigale regge l’ondata della crisi. La Cina diventa il quarto mercato

default onloading pic
Claudio Domenicali, Amministratore Delegato Ducati

La casa di Borgo Panigale regge l’ondata della crisi. La Cina diventa il quarto mercato


2' di lettura

Secondo semestre 2020 da record per Ducati (gruppo Vw Audi). Nonostante la complessa situazione globale e il fermo produttivo di sette settimane nel picco di stagione che ha impattato i primi sei mesi, la casa di Borgo Panigale ha chiuso il 2020 con un successo conseguito da luglio a dicembre. Ducati ha consegnato nel 2020 un totale di 48.042 moto, contenendo il differenziale di vendite rispetto al 2019 al -9,7%. Un risultato notevole se si considera l'impatto della pandemia e la conseguente chiusura forzata della fabbrica Ducati tra marzo e aprile.

Prosegue inoltre il trend di crescita che ha caratterizzato la marca negli ultimi anni in Cina che, con 4.041 moto vendute (+26%) diventa il 4° mercato per l'Azienda di Borgo Panigale. Aumento nelle vendite rispetto al 2019 si registra anche in Germania, con 5.490 unità (+6,7%), e in Svizzera (+11,1%). Il primo mercato a livello mondiale si conferma l'Italia con 7.100 moto.

Loading...

“Il 2020 è stato un anno complesso sotto tanti aspetti - ha detto Claudio Domenicali, Amministratore Delegato Ducati - e una sfida tutta nuova per chiunque nel mondo. Inevitabilmente si è chiuso in modo diverso da come avremmo voluto, ma Ducati ha saputo sfruttare al meglio il trend di recupero del mercato delle due ruote iniziato a giugno, ottenendo un'eccellente seconda parte dell'anno con un risultato finale migliore rispetto alle previsioni di marzo.

Ridefinendo modalità e processi lavorativi siamo riusciti a mantenere la sicurezza dei nostri dipendenti, a stare vicini agli appassionati e a consolidare il brand Ducati nel mondo crescendo in alcuni mercati come la Cina. Abbiamo inoltre conquistato per la seconda volta nella nostra storia il Titolo Mondiale Costruttori in MotoGP”.

Nonostante la situazione globale, il 2020 è stato caratterizzato dalla conquista del Titolo Mondiale Costruttori MotoGP, dal proseguimento del processo di rafforzamento della rete vendita, dall'apertura della nuova filiale australiana e dall'avvio della produzione di esemplari unici in serie limitata quali la Superleggera V4 e il Diavel 1260 Lamborghini.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti