Gismondi 1754

Due vendite speciali fanno volare i ricavi

Al timone. Massimo Gismondi, ceo di Gismondi 1754

1' di lettura

Due vendite speciali in Usa, dal valore complessivo di 600mila euro, fanno schizzare il fatturato di Gismondi 1754, storica società genovese che da sette generazioni produce gioielli di altissima gamma. Con queste vendite, spiega una nota, l’azienda raggiunge, già alla fine di ottobre, il livello di fatturato conseguito nel 2020 (anno in cui i ricavi consolidati sono stati pari a 6,5 milioni di euro), avendo ancora di fronte due mesi di attività prima della chiusura dell’anno. Questi valori sanciscono «il superamento del risultato conseguito nel 2019, che ammontava a 5,7 milioni di euro» e, prosegue la nota, dimostrano «la capacità del gruppo» di «valorizzare le proprie vendite nonostante le difficoltà relative alla pandemia che ha colpito il mondo da marzo 2020». Le due special sales, consistono in un orecchino in oro e diamanti del valore di 320mila euro e un anello con diamanti da 280mila euro, realizzati su misura. Una vendita che è stata possibile, conclude la nota, grazie al «team dedicato all’assistenza dei clienti privati negli Stati Uniti».

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti