ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMusica

Dylan record per nuova incisione Blowin’ in the Wind

Battuta all’asta da Christie’s a Londra per 1.482.000 sterline, pari a 1.769.500 di dollari la prima registrazione in studio di Bob Dylan dal 1962 del suo classico «Blowin’ in the Wind»

(Imaginechina via AFP)

2' di lettura

La prima registrazione in studio di Bob Dylan dal 1962 del suo classico «Blowin’ in the Wind» e’ stata battuta all’asta il 7 luglio da Christie’s a Londra per 1.482.000 sterline, pari a 1.769.500 di dollari. Lo ha reso noto la casa d’aste.

La nuova versione, autografata dal suo 81enne autore, ha debuttato con Ionic Original, un nuovo formato di musica analogica sviluppata dallo storico collaboratore T Bone Burnett per la sua nuova societa’ NeoFidelity: e’ un unico esemplare di alluminio ricoperto di lacca su cui e’ incisa “una spirale di musica”.

Loading...

La stima della vigilia era tra le 600 mila e il milione di sterline. ’Blowin’ in the Wind’ era stata registrata dal futuro premio Nobel nel luglio 1962. La nuova incisione, che secondo Burnett offre una qualita’ di suono largamente superiore al digitale, ai Cd e agli Lp di vinile, risale all’anno scorso: «Sessant’anni dopo Bob ci regala una nuova registrazione, rilevante per i nostri tempi, ma anche evocativa di decenni di vita e di esperienza dell’artista», aveva detto Burnett, secondo cui il disco e’ il primo nel nuovo formato da quando 70 anni fa il vinile soppianto’ la resina di gommalacca.

I fan piu’ devoti hanno potuto ascoltarlo prendendo un appuntamento con le sedi di Christie’s a Los Angeles, New York e Londra dove il cofanetto di legno che lo contiene era stato esposto prima dell’asta. Burnett e’ un produttore e compositore pluripremiato: sue le colonne sonore, premiate ai Grammy, includono ’O Brother, Where Art Thou?’, ’The Big Lebowski’, ’Cold Mountain’, ’The Hunger Games’, ’Crazy Heart’ e ’Walk The Line’.

Quanto a Dylan, che in maggio ha compiuto 81 anni, questi sono mesi importanti: ripresa la tournee’ dopo la lunga pausa della pandemia, il leggendario musicista e poeta sta per pubblicare in novembre un nuovo libro, “Philosophy of Modern Song”, con oltre 60 saggi di artisti come Nina Simone, Hank Williams e Elvis Costello.

“Blowin’ in the Wind” usci’ nel maggio 1963 col secondo album di Dylan in studio, “The Freewheelin’ Bob Dylan”, ma Bob la incise il 9 luglio 1962 (il che fa coincidere l’asta di Christie’s praticamente col 60/o anniversario) dopo averne pubblicato le parole sulla rivista “Broadside” di Pete Seeger.

Negli anni della guerra del Vietnam e delle marce per i diritti civili, il brano divenne un inno dei movimenti di protesta, ammirato e replicato da artisti come Mavis Staples, Sam Cooke Neil Young e Joan Baez, suonato spesso anche nelle chiese e durante le manifestazioni per la pace. “E’ una delle canzoni piu’ importanti dell’ultimo secolo”, ha detto Peter Klarnet, uno specialista di Christie’s che condivide “la passione di Burnett per l’eccellenza sonora del suono analogico”.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti