ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTecnologie

E-commerce, arriva in Italia “Charles”, per comprare e vendere via WhatsApp

Leader del Conversational Commerce in Europa completa il secondo round di investimenti da 20 milioni di euro, per fare da apripista in Italia

(AFP)

2' di lettura

Sbarca in Italia con “Charles” il “Conversational Commerce”, considerata l'ultima frontiera dell’E-commerce. “Charles”, già leader del settore, con un piano di investimenti di 20 milioni di euro guidato da Salesforce Ventures, diventerà la principale piattaforma europea di “Conversational Commerce”. Si tratta di un sistema che apre le porte al dialogo diretto tra consumatori, produttori e venditori. «Il suo obiettivo è: offrire più sicurezza, informazione e risparmio ai consumatori. Il vantaggio per produttori e venditori è quello di aumentare sviluppo e presenza sul mercato» dice una nota.

Il 90% dei messaggi vengono letti, uno scudo contro le “chiamate indesiderate”

Con “Charles” via “WhatsApp” i messaggi vengono letti nel 90% dei casi, ma soprattutto - si sottolinea - viene garantita la difesa dalle insopportabili «chiamate indesiderate». Con “Charles” il consumatore può soddisfare i suoi desideri senza trascurare il risparmi .e il venditore può verificare che disponibilità e competenza sono il ricostituente più efficace del fatturato.Il megatrend del Conversational Commerce (cCommerce) arriva in Europa dall’Asia e dall’America Latina, dove oltre il 50% dei consumatori acquista già beni e servizi tramite App di messaggistica come WhatsApp. Charles è nato come soluzione a un problema che i fondatori avevano vissuto personalmente. Nel 2019, Artjem Weissbeck e Andreas Tussing hanno inizialmente lanciato un marchio di abbigliamento basato su WhatsApp. Oggi, Charles vede già molti dei suoi oltre 100 clienti che usano il software raggiungere un fatturato tramite WhatsApp a sette cifre generate dall´inizio del 2022 ad ora. Oltre a realizzare il 10-40% delle loro vendite tramite chat. Inoltre, i clienti hanno registrato tassi di apertura delle Newsletter superiori al 90% e ricavi per destinatario otto volte superiori tramite le newsletter via WhatsApp rispetto alle e-mail. Charles ha creato un nuovo canale di fatturato in rapida crescita in tempi di recessione.

Loading...

I fondatori Weissbeck e Tussing, hanno creato l'azienda nel 2020 a Berlino

Artjem Weissbeck, co-fondatore e co-CEO di Charles, ha dichiarato: «Sin dal primo giorno, la nostra missione è stata quella di rendere il commercio più personale portandolo nelle nostre abitudini più umane: le conversazioni. Una cosa che il commercio elettronico non è riuscito a fare, a causa del suo matrimonio forzato tra negozi sul web ed e-mail. Il commercio elettronico sta ora conquistando l’Europa e non c’è mai stato un modo migliore per i marchi di stupire i propri clienti».Andreas Tussing, co-fondatore e co-CEO di Charles, aggiunge: «Negli ultimi due anni abbiamo scritto i libri di testo per il Conversational Commerce in Europa con alcuni marchi incredibilmente innovativi. Nel corso di questo percorso, Charles è maturato fino a diventare una vera e propria suite che ora è pronta anche per i clienti aziendali e per una scala più ampia». L’azienda, con sede a Berlino, è stata fondata nel 2020 dall’ex responsabile dell’e-commerce di McKinsey Andreas Tussing e da Artjem Weissbeck, ex fondatore e CEO di Kapten & Son, un marchio da 50 milioni di dollari. Charles è sostenuto da Salesforce Ventures, Accel, HV Capital e altri.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti