innovazione

E-commerce di prossimità con Cerea e Be Local

A Torino la sperimentazione dei servizi su misura per i negozi di quartiere

di Filomena Greco

A Torino la sperimentazione dei servizi su misura per i negozi di quartiere


2' di lettura

Non la solita piattaforma per rincorrere la tendenza del commercio online per i piccoli ma un progetto che punta a modificare il business model degli esercizi commerciali di prossimità, a cominciare dal food. Si chiama Cerea, ha nella città di Torino il suo primo “laboratorio” e prende le mosse dall’esperienza imprenditoriale di Georges Mikhael , patron di Defendini e di Sum, servizio di delivery nato nel 2017, e di Nikas Bergaglio e Tommaso Vassura, fondatori di Piedmont Delights, primo e-commerce dedicato al cibo e alle bevande di eccellenza del Piemonte.
«Cerea nasce dalla volontà di valorizzare i merchant del territorio in un periodo particolare come quello del Covid-19 – racconta Bergaglio – che sta danneggiando il tessuto commerciale. Guardiamo a quelle realtà per offrire nuovi servizi di vendita, realtà che da sole non riuscirebbero a digitalizzarsi». Ad oggi sono una decina le realtà che si sono associate nel mondo del food, partendo dalla città di Torino che farà da beta test per la sperimentazione e che punta a valorizzare in chiave digitale il commercio di prossimità, distribuendo in città i prodotti di gastronomie, macellai e botteghe alimentari.
L’ambizione del progetto, che vede tra i protagonisti la realtà commerciale di Defendini e che si inquadra nella cornice del piano “Be Local” voluto da Georges Mikhael, è quella di diventare una sorta di Amazon dei piccoli esercenti o dei produttori locali, come è nel caso di Piedmont Delights acquisita al 51% da Defendini. Una fascia di operatori economici, dunque, spesso schiacciata tra i big player del commercio online e delle consegne. «Attraverso il nostro modello – sottolinea Mikhael – stiamo creando piattaforme dedicate ai prodotti piemontesi e di quartiere, in modo che anche la più piccola realtà commerciale sia in grado di far arrivare il prodotto sia al cliente locale, in tutta sicurezza e comodità, sia al cliente nazionale o internazionale che vuole conoscere le eccellenze del territorio. Vogliamo colmare il gap che oggi penalizza le imprese. Il modello di Cerea sarà disponibile entro giugno a Milano ed entro ottobre a Roma».
La sfida infatti è proprio di sperimentare il modello a Torino e in Piemonte e poi espanderlo come canale multibrand, in tutte le regioni italiane. «Vorremmo duplicare il canale Piedmont Delights ad altre regioni – aggiunge Bargaglio – a partire dall’anno prossimo, mantenendo lo stesso business model che punta moltissimo all’estero e alla valorizzazione delle eccellenze».

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti