Emergenza coronavirus

È corsa al piano per le isole «Covid free», il Sud si mobilita per il turismo estivo

In Campania l’obiettivo è immunizzare entro aprile gli abitanti delle isole di Capri, Ischia e Procida. I presidenti di Sardegna e Sicilia chiedono al premier Draghi di vaccinare al più presto tutta la popolazione delle due isole «a spiccata vocazione turistica»

di An.Ga.

Estate 2021: un italiano su due sogna una vacanza

3' di lettura

Un piano per rendere le isole minori Covid-free, con l’obiettivo soprattutto di salvare il turismo in estate. Sul modello di quanto sta succedendo in Grecia, dove il governo ha varato da tempo una strategia per arrivare a giugno con tutti gli abitanti delle isole minori già vaccinati. Il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, che già nei giorni scorsi ha ventilato questa ipotesi, ha confermato: «Anche noi potremmo farlo. Il punto è creare meccanismi per cui sia semplice circolare». È stato il Messaggero a rivelare che il piano è già partito: ai sindaci interessati è giunta nei giorni scorsi una nota del Centro operativo interforze della Difesa che, su input del commissario straordinario per l'emergenza Covid Francesco Figliuolo, ha avviato una «pianificazione relativa alla predisposizione organizzativa per l'effettuazione della campagna vaccinale a favore della popolazione nelle isole minori». Un obiettivo che va reso però compatibile con la direttiva impartita in conferenza stampa dal premier Draghi: la priorità è spingere al massimo sulla vaccinazione degli anziani over 75.

Il piano del governo per le isole minori

Il piano, che dovrebbe essere implementato da fine aprile, dovrebbe riguardare le isole che dispongono di un presidio medico adeguato e con ogni probabilità anche una sala di rianimazione, alle quali dovrebbe essere destinato il vaccino monodose Johnson & Johnson, per mettere in sicurezza la popolazione e consentire alle strutture ricettive di programmare la stagione e riaprire al più presto. Non sono ricomprese, quindi, solo le isole campane, come Capri, Ischia e Procida, messe su una corsia preferenziale su iniziativa della Regione Campania, ma anche, tra le altre, Ponza, le Lipari, Pantelleria, Tremiti e l'Elba.

Loading...

Solinas e Musumeci: vaccinare subito in Sardegna e Sicilia

Non solo. Anche i governatori delle isole più grandi, Sardegna e Sicilia, si sono messi in scia. E hanno chiesto al governo di «avere il coraggio» di andare oltre la proposta di vaccinazione delle sole isole minori del Paese, procedendo con un'immunizzazione di massa, accelerata, anche nei loro territori. L’obiettivo è sempre quello di consentire la ripresa di uno dei comparti vitali per queste regioni: il turismo. I presidenti delle due Regioni, Christian Solinas e Nello Musumeci, infatti, chiedono al premier Mario Draghi di «avere il coraggio» di andare oltre la proposta di vaccinazione delle sole isole minori e puntare a immunizzare con il vaccino l'intera popolazione delle due più grandi isole del Mediterraneo e «a spiccata vocazione turistica», che «possono garantire numeri importanti per la ripresa dell'economia nazionale». I due governatori propongono di coprire con risorse regionali il costo per l'acquisto preferenziale delle dosi necessarie all'immunizzazione totale delle rispettive popolazioni.

De Luca: Capri e Ischia immunizzate entro aprile

In Campania il governatore Vincenzo De Luca ha promosso una campagna per una vaccinazione a tappeto nelle isole. «Entro aprile l'obiettivo è immunizzare le isole di Capri, Ischia e Procida in modo da tutelare la stagione turistica» ha dichiarato il presidente della Regione che punta anche a una campagna di vaccinazione «per il personale alberghiero della costiera e di Napoli». Il piano sembra a buon punto. «Il 9 aprile termineremo le vaccinazioni anche degli over 70, lavoriamo per vaccinare tutti gli abitanti di Capri e Anacapri per fine aprile» ha confermato Marino Lembo, sindaco di Capri (Napoli).

Elba si candida a diventare “isola Covid free” da fine maggio

In pista anche l’Elba. «Noi abbiamo un orizzonte preciso e speriamo che l'obiettivo si possa realizzare: vaccinare entro la fine di maggio tutta la popolazione vaccinabile per rendere l'isola d'Elba sicura per i suoi abitanti e per i turisti» ha dichiarato il sindaco di Portoferraio, Angelo Zini, presidente della Conferenza dei sindaci elbani. La popolazione elbana da raggiungere dalle vaccinazioni è di circa 20mila persone, considerando coloro che hanno già ricevuto le dosi di vaccino e i minorenni che sono esclusi per ora dalla campagna vaccinale.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti