ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùgli effetti del «no» alla consultazione sul sito

E-fattura, rischio controlli per chi «snobba» l’agenzia delle Entrate

di Alessandro Mastromatteo e Benedetto Santacroce


Cosa cambia dal 1° luglio per la consultazione delle fatture elettroniche

3' di lettura

Mancata adesione al servizio di consultazione delle e-fatture come elemento rilevante ai fini della valutazione dell’analisi del rischio dei contribuenti; scarto delle fatture elettroniche e delle note di variazione emesse da partite Iva cessate in data anteriore alla trasmissione stessa: queste alcune delle novità interpretative, di potenziale ed elevato impatto operativo e di processo, contenute nelle nuove 78 faq pubblicate sul sito dell’agenzia delle Entrate, cui si accompagna l’individuazione del 1° novembre 2019 come data a partire dalla quale anche i consumatori finali avranno a disposizione il servizio di consultazione delle e-fatture a loro indirizzate.

LEGGI ANCHE / Fatturazione elettronica, l'intreccio gettito-obblighi

L’agenzia delle Entrate ha inoltre ricordato come, sebbene non sussista l’obbligo di sottoscrivere digitalmente i file xml trasmessi, restano valide le regole dettate dall’articolo 21 del Dpr 633/1972 che impongono ai soggetti passivi di assicurare l’autenticità dell’origine e quindi la provenienza del documento: l’utilizzo di una firma digitale rende più semplice garantire l’identità del fornitore o del prestatore o dell’emittente della fattura.

GUARDA IL VIDEO / Cosa cambia dal 1° luglio per la consultazione delle fatture elettroniche

Tra le altre risposte anche quelle relative all’esonero da esterometro per le fatture tax free, la possibilità di inserire l’identificativo univoco di versamento Iuv per i fornitori delle Pa oltre all’obbligo di emettere comunque fatture elettroniche da parte di operatori del campo sanitario nei confronti di soggetti passivi Iva, quali compagnie assicurative, senza tuttavia indicare i nominativi dei pazienti o degli elementi che permettano di identificare la persona fisica nei cui confronti è stata resa la prestazione.

LEGGI ANCHE / Fatturazione elettronica, in sei mesi trasmessi quasi un miliardo di dati

Analisi del rischio

Se si vogliono diminuire le probabilità di subire una verifica fiscale, diviene assolutamente fondamentale aderire al servizio di consultazione e acquisizione delle proprie fatture elettroniche reso disponibile dalle Entrate dal 1° luglio e sino al 31 ottobre 2019. La mancata adesione costituirà un elemento che verrà valutato nell’ambito dell’analisi del rischio di evasione dei contribuenti, i quali risulteranno perciò potenzialmente selezionabili per effettuare le ordinarie attività di controllo. Nell’ipotesi di mancata adesione, dopo l’avvenuto recapito della fattura al destinatario, i dati contenuti nei tracciati verranno infatti cancellati con memorizzazione esclusivamente di quelli a rilevanza fiscale. Per questo motivo è stato richiesto, con la faq n. 125, se potranno essere effettuati controlli incrociati finalizzati a favorire l’emersione spontanea di basi imponibili: il Dm 4 agosto 2016 prevede l’utilizzo dei dati di fatture e relative variazioni acquisiti mediante il sistema di interscambio.

LEGGI ANCHE / Fattura elettronica: le risposte ai dubbi su forfettari, bollo e integrazione

L’Agenzia ha precisato come i controlli incrociati saranno realizzati anche in caso di eliminazione del file completo della e fattura. L’adesione al servizio permette al contribuente di ritrovare sempre le fatture emesse e ricevute, ma soprattutto rende trasparenti e maggiormente collaborativi i rapporti con l’amministrazione finanziaria evitando l’attivazione delle procedure di analisi del rischio. Con le risposte nr. 98 e 126, è stato inoltre individuata la data del 1° novembre 2019 come momento a partire dal quale anche i consumatori finali potranno accedere al servizio di consultazione.

LEGGI ANCHE / La fattura elettronica spinge il gettito extra: 4 miliardi nel 2019

Partita Iva cessata

La faq n. 136 esclude la possibilità di emettere validamente fatture elettroniche o note di variazione compilandole con una partita Iva cessata seppure esistente in anagrafe tributaria. Di conseguenza nel caso di un’impresa o professionista con partita Iva attiva e una cessata, la compilazione e l’invio di una fattura elettronica o di una nota di variazione riportando la partita Iva cessata determineranno lo scarto del documento.

Autenticità dell’origine

I file xml delle fatture B2B e B2C non devono essere sottoscritti digitalmente, a differenza di quelli B2G: con la faq n. 108 l’Agenzia nel ricordare l’esistenza dell’obbligo per i soggetti passivi Iva di garantire l’autenticità dell’origine, e quindi l’identità del produttore: in questo senso, utilizzare una firma digitale assicura tale requisito, unitamente a quello della integrità del contenuto, in maniera più semplice, diretta e dimostrabile.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...