ecosistema urbano 2017

È Mantova la regina dell’ambiente. Scopri lo stato di salute della tua città

di Giacomo Bagnasco

(13711)

5' di lettura

Un’annata meno scoraggiante di altre, con un saldo positivo tra gli indicatori rivolti verso l'alto e quelli che puntano verso il basso. Ecosistema urbano, studio di Legambiente e Ambiente Italia sulla salute dei capoluoghi di provincia italiani, trae dai dati 2016 un quadro in evoluzione: sono sempre troppe le situazioni critiche, a partire dal numero eccessivo di auto circolanti per proseguire con il consumo di acqua e rifiuti, ma il miglioramento di alcuni parametri (aria in primis) e i successi ottenuti a più ampio raggio nella raccolta differenziata aprono alcuni spiragli.

VEDI TUTTE LE CLASSIFICHE 2017: dalle aree pedonali alle polveri sottili, le performance delle città

Loading...

Il confronto avviene sulla base degli indicatori rimasti immutati, mentre è più difficile comparare i punteggi, influenzati non solo dai parametri nuovi, ma dalla introduzione di una serie di bonus: è questa la vera novità di Ecosistema urbano, arrivato all'edizione numero 24. A partire da quest'anno, infatti, un carico addizionale viene assegnato alle realtà che si sono messe in luce, anche grazie a politiche innovative, nel recupero e nella gestione delle acque, nella gestione dei rifiuti, nell'efficienza della gestione del trasporto pubblico e in quella che viene definita la mobilità nuova, legata all'alto tasso di spostamenti in bicicletta e alla riduzione degli spostamenti in auto. Nonostante le modifiche introdotte, nella top ten si incontrano le stesse protagoniste di 12 mesi fa. O meglio, le prime otto ci sono ancora tutte, mentre Cuneo e Savona (che finirono nona e decima) hanno lasciato spazio a Pordenone (che si piazza quinta) e Treviso, che nell'ambito delle eccellenze marca il migliore progresso, salendo dal 23° al nono posto.

Stavolta la regina è Mantova, che succede a Macerata e precede l'accoppiata Trento-Bolzano, di poco davanti a Parma. La città virgiliana è l'unica a confermarsi sul podio (finì terza l'anno scorso) e torna a conquistare un simbolico “oro” a 11 anni dall'ultimo primo posto, datato 2006. Da allora, peraltro, non si è mai scostata da buoni piazzamenti, se si considera che la peggiore performance l'ha vista, nel 2010, sul 21° gradino. La più “emiliana” delle lombarde ottiene i voti migliori nella raccolta differenziata, dove finisce quarta; nella “ciclabilità” del territorio (terza posizione); nell'estensione delle strade pedonalizzate (ottava); nella quantità di alberi (quinta).Sei località confermano una posizione tra le ultime dieci, cioè dal 95° al 104° posto: oltre a quattro siciliane (Palermo, Catania, Agrigento, Siracusa) ci sono una laziale (Frosinone) e una campana (Caserta). Niente calabresi, stavolta, e Vibo Valentia risale dall'ultima alla 91ª piazza. Al 96° posto compare la toscana Massa e al 102° c'è un'altra laziale, Viterbo. Il fondo è occupato, però, da Enna e Brindisi, i cui “crolli” sono spiegati nella pagina seguente.

VEDI TUTTE LE CLASSIFICHE 2017: dalle aree pedonali alle polveri sottili, le performance delle città

Un’occhiata va data anche al piazzamento dei 10 capoluoghi più popolosi, con le prime tre che fanno registrare avanzamenti considerevoli: Bologna sale 34 gradini e si ritrova 22ª, Milano ottiene addirittura un più 42 risalendo fino al 31° posto, e Firenze - che era 67ª - è ora 51ª. Tutte le altre sono nella metà peggiore della graduatoria, con la capitale Roma in 88ª posizione e il Sud che fronteggia anche qui il solito deficit di risultati, pur potendo sorridere per realtà di dimensioni più modeste: Oristano si conferma tra le prime dieci e Cosenza è eccellente 13ª.

Aria e acqua. Tra gli indicatori presi in esame, quelli relativi alla qualità dell’aria mostrano un lieve miglioramento delle perf0rmance relative alle emissioni inquinanti, nonostante l’emergenza smog degli ultimi giorni. Per quanto riguarda i consumi idrici, invece, raddoppia il numero di comuni che registrano consumi domestici superiori a 200 litri per abitante al giorno di acqua potabile (probabilmente riconducibili a utenze non soltanto domestiche ma contabilizzate come tali): Verona, Cosenza, Milano, Treviso, Pavia, Chieti, Monza, Sondrio. I consumi più bassi si registrano, invece, a Oristano (95,7 litri/abitante/giorno), Agrigento (107), Sassari e Perugia (115). Inoltre, il dato sulla dispersione dell'acqua potabile nei capoluoghi italiani conferma, in media, una situazione estremamente critica senza quasi segnali di discontinuità col passato. Nel 2016 sono ancora 17 i Comuni nei quali le perdite sono superiori al 50%, con punte di oltre il 60% a Frosinone, Vibo Valentia, Campobasso, Latina, Nuoro e Oristano.

Rifiuti. Nonostante le città italiane registrino performance particolarment e positive sul fronte della raccolta differenziata, che si attesta sul valore medio del 47,42%, oltre due punti percentuali in più rispetto al 45,15% dell’anno precedente, cresce nel 2016 la produzione pro capite di rifiuti urbani nei comuni capoluogo (con una media di 536 kg che torna a crescere rispetto all'anno precedente, 530 kg).

Trasporto pubblico: Gli indicatori del trasporto pubblico mantengono la suddivisione per categorie di città in base al numero di abitanti. In questo caso, infatti, i segnali di miglioramento (sia sul fronte dell’offerta che della domanda, cioè degli spostamenti tramite mezzi pubblici da parte della popolazione locale) si concentrano unicamente nei grandi centri urbani. Inoltre, la densità automobilistica continua a rappresentare senza alcun dubbio una delle maggiori criticità nelle città e distingue sfavorevolmente l'Italia nel panorama mondiale: rispetto ad alcune grandi capitali europee (Londra, Parigi e Berlino), il tasso medio di motorizzazione dei comuni capoluogo italiani nel 2016 si conferma a livelli praticamente doppi, pari a 62,4 auto ogni 100 abitanti e risulta stabile o in aumento in tutte le città ad eccezione di Reggio Emilia e Crotone.

VEDI TUTTE LE CLASSIFICHE 2017: dalle aree pedonali alle polveri sottili, le performance delle città

Ambiente urbano. L’estensione media delle isole pedonali, negli ultimi tre anni di rilevazione, risulta stabile intorno a 0,40 m2 per abitante. I comuni che hanno un valore almeno doppio rispetto alla media sono 12, sette dei quali superano la soglia di 1 m2 per abitante (uno in meno rispetto al 2015): oltre al caso particolare di Venezia (5,01 m2/ab), troviamo Verbania, Terni, Lucca, Cremona, Firenze e Pescara. Per il primo anno, infine, la classifica di Legambiente prende in considerazione il verde urbano: la legge nazionale 10/2013 Norme considera strategica per qualsiasi amministrazione comunale la conoscenza dettagliata del proprio patrimonio arboreo e prevede che tutti i comuni sopra i 15.000 abitanti si dotino di un catasto degli alberi, piantino un nuovo albero per ogni bambino nato o adottato e che gli amministratori producano un bilancio del verde a fine mandato, che dimostri l'impatto dell'amministrazione sul verde pubblico (numero di alberi piantumati ed abbattuti, consistenza e stato delle aree verdi, ecc.). A quattro anni di distanza dall'approvazione della legge, soltanto il 62% dei capoluoghi è stato in grado di fornire un bilancio del numero di alberi esistenti in aree di proprietà pubblica (strade e parchi). Dall'analisi dei primi dati raccolti emergono differenze considerevoli nelle disponibilità di alberi pro capite, con 21 città che presentano una dotazione superiore a 20 alberi/100 abitanti e le 6 migliori che superano i 30 alberi/100 abitanti (Bologna, Mantova, Rimini, Arezzo, Modena, Brescia).

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti