scomparso dopo una lunga malattia

È morto Tettamanzi, ex arcivescovo di Milano


default onloading pic
Il cardinale Tettamanzi con alcuni bimbi rom

2' di lettura

È morto questa mattina all’età di 83 anni, dopo una lunga malattia, il cardinale Dionigi Tettamanzi. Arcivescovo di Milano dal 2002 al 2011, il cardinale si è spento nella Villa Sacro Cuore, la 'Casa di spiritualità della Diocesi', a Triuggio, in Brianza, dove si era ritirato dopo la fine del mandato. È morto non lontano da Renate, il paese dove era nato il 14 marzo 1934. Accanto al cardinale c'erano i
familiari e Marina, la sua storica assistente. Ieri il cardinale Angelo Scola e il neo eletto arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, avevano diffuso una nota per spiegare che le condizioni di Tettamanzi si erano «particolarmente aggravate» e per invitare la comunità diocesana a pregare per lui.

Dionigi Tettamanzi è stato uno degli arcivescovi più amati di Milano. Raccolse il testimone dal cardinale Carlo Maria Martini. Fu sempre a fianco degli ultimi, degli emarginati, degli immigrati. La carità, il lavoro, i malati, i detenuti, i bambini, l'amore per gli altri, i migranti, l'inclusione sono stati alcuni dei temi su cui si è battuto con infinita gentilezza, ma con tenacia e senza mai arrendersi di fronte alla difficoltà vere delle persone. Durante il suo mandato ha sempre avuto una parola buona per chiunque lo volesse incontrare e confortava anche chi cadeva nella disperazione per un lutto o per aver perso l'occupazione. Proprio la disoccupazione era per lui il 'male' da combattere, tanto da avere costituito il 'Fondo famiglia-lavoro' per dare un aiuto a chi era stato colpito dalla crisi economica: mise a disposizione subito un milione di euro.

I funerali martedì nel Duomo di Milano, dove sarà sepolto
I funerali del cardinale Dionigi Tettamanzi si terranno martedì 8 agosto alle 11 nel Duomo di Milano e saranno presieduti dall'amministratore apostolico, cardinale Angelo Scola, e concelebrati - tra gli altri - dall'arcivescovo eletto di Milano, monsignor Mario Delpini. Al termine della celebrazione Tettamanzi verrà sepolto in Duomo, sul lato destro della cattedrale, ai piedi dell'altare Virgo Potens dove è presente anche l'urna del beato cardinale Schuster. Da oggi è aperta la camera ardente presso la cappella di Villa Sacro Cuore di Triuggio, in Brianza, la 'Casa di spiritualità della Diocesi' dove Tettamanzi si era ritirato dopo la fine del mandato.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...