ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùvideogiochi

E-sport, Twitter debutta in Italia con la partnership di Dive

Il colosso Usa metterà a disposizione le piattaforme Amplify e Ads, l’agenzia di esport che gestisce il team dei Morning Stars di Samsung fornirà contenuti ad hoc

di Marcello Frisone

default onloading pic

Il colosso Usa metterà a disposizione le piattaforme Amplify e Ads, l’agenzia di esport che gestisce il team dei Morning Stars di Samsung fornirà contenuti ad hoc


5' di lettura

Sport a tutti i costi. Se da un lato la pandemia sta rallentando la crescita dello sport “tradizionale”, dall’altro gli e-sport hanno spinto molto sull’acceleratore negli ultimi mesi anche in Italia tanto che Twitter ha deciso di puntare sul nostro Paese. Infatti, il gigante americano, ha siglato la prima partnership italiana con Dive Esports, agenzia che gestisce anche il team dei Morning Stars di Samsung. Questa squadra del colosso sud coreano, per esempio, gioca a League of Legends, Fortnite, Fifa21 (il gioco più venduto al mondo), Hearthstone, Call of Duty, Apex Legends. I Tempra, sempre gestiti da Dive, giocano invece a Rainbow 6 Siege. Non solo. Secondo il report Global Esports Market realizzato dagli analisti di Newzoo, il valore degli sport elettronici a fine 2019 ha toccato la cifra di 1,1 miliardi di dollari e gli analisti prevedono nel 2022 un giro d’affari intorno agli 1,8 miliardi di dollari.

Il gaming globale su Twitter

Complice il Covid-19 , da gennaio a ottobre 2020, le conversazioni a tema gaming su Twitter hanno raggiunto il massimo storico di oltre 1,6 miliardi di tweet, mentre nell’intero 2019 sono stati di 1,2 miliardi. Gli e-sport continuano a essere tra i temi più popolari su Twitter, come dimostrato da un aumento del 71% del volume di conversazioni generate dai gamer in tutto il mondo e un incremento degli autori unici del 46%. Considerando questa crescita, si potrebbero raggiungere i 2 miliardi di tweet a fine anno, che significherebbe una crescita di oltre il 60% su base annua e del 100% in 2 anni.

Loading...

Il gaming in Italia

Ogni giorno 466mila persone dichiarano di seguire un evento di e-sport. Questo bacino (fonte Iidea, Associazione di categoria dell’industria dei videogiochi, report settembre 2020) cresce a 1 milione e 410mila persone (+22% su base annuale) se si considera anche chi ammette di seguire un evento di e-sport non ogni giorno, ma diverse volte nel corso della settimana. Il 22% della fanbase (circa 310mila) ha iniziato a seguire gli e-sport soltanto nell’ultimo anno. In media, gli appassionati spendono 6,5 ore la settimana, un incremento del 35% rispetto all’anno scorso e adesso vicino al consumo televisivo settimanale (circa 7,6 ore).
Durante il lockdown, i fan di e-sport hanno trascorso più tempo rispetto al solito giocando ai videogiochi (48%), guardando la Tv o film in streaming/on demand (45%) e utilizzando i social media (45%). Più del 40% dei fan di e-sport dichiara anche che il periodo del lockdown ha influenzato il loro tempo trascorso a giocare agli e-sport e ai videogiochi sulle console.
Il profilo dell’utente che parla di e-sport sui social media è prevalentemente maschile (62% vs 38% femminile) con una maggiore concentrazione nei segmenti 18-24 e 25-34 anni. La maggior parte dei contenuti rintracciati provengono dalla Lombardia (28%), Emilia-Romagna (13%), Lazio (9%) e Campania (9%). Il profilo target individuato è quello di un utente fortemente appassionato di tecnologia.

L’accordo Twitter e Dive

È la prima partnership tra Twitter e un club di e-sport italiano. Dive mette a disposizione contenuti creati ad hoc, mentre Twitter le piattaforme Amplify e Ads. In pratica, gli inserzionisti possono associarsi ai contenuti dei team di Tempra (anche questo gestito da Dive) e dei Samsung Morning Stars e monetizzare i contenuti. Gli inserzionisti potranno così associarsi a un pubblico preciso, senza sprecare risorse su persone che non sono interessate.

I motivi dell’accordo

Ma perché un brand (di sport tradizionale ed e-sport) dovrebbe investire in Twitter? «Su Twitter - risponde Simone Tomassetti, responsabile delle partnership strategiche di Twitter, per il Sud Europa, Benelux e Scandinavia - i brand trovano persone con una caratteristica che le accomuna, vale a dire che sono curiose e influenti con gli altri. Le persone usano Twitter per capire cosa sta succedendo invece che per condividere foto di amici e famiglia. In Italia l’85% di chi usa Twitter vuole scoprire nuovi contenuti e il 74% chiede regolarmente consiglio agli amici e conoscenti per fare un acquisto. È proprio per questo tipo di persone - continua Tomasetti - che gli inserzionisti su Twitter possono coinvolgere il loro pubblico di riferimento proprio nel momento in cui è più ricettivo e influente. Su Twitter c’è veramente ogni tipo di persona e formano community appassionate di qualsiasi argomento, nel mondo dello sport in Italia è il calcio a essere protagonista, ma gli e-sport hanno avuto una crescita esponenziale nell’ultimo anno. Twitter è ciò che accade e ciò di cui le persone parlano e quindi è anche la piattaforma migliore per gli inserzionisti che vogliono far parte della cultura del momento, oltre che raggiungere in modo “chirurgico” la loro audience più adatta».

Punto di vista privilegiato

«La community dei gamer - analizza Massimiliano Rossi, Ceo di Dive Esports -
sta popolando in maniera crescente Twitter, e crediamo che questo avvenga perché questo social network si presta molto bene a generare conversazioni: Twitter è oggi il posto migliore in cui i fan possono discutere dei loro argomenti di interesse entrando a far parte di una community che dialoga in modo diretto con team e atleti esport e, dato che tutti i commenti hanno pari visibilità e concorrono alla creazione di conversazioni, diventa protagonista. Dive Esports sta entrando su Twitter in maniera strutturata grazie a questa collaborazione, che pensiamo potrà unire le potenzialità della piattaforma alla nostra capacità di storytelling per consentire ai brand di entrare in contatto con un target che non vuole essere oggetto di advertising, ma chiede alle aziende di creare storie coinvolgenti e credibili».

Twitter e l’As Roma

Al di là degli e-sport, in Italia ci sono soltanto 2 team dello sport “tradizionale” che hanno siglato con Twitter partnership.La prima è stata stipulata nel 2018 con l’As Roma e l’accordo con i giallorossi ha rappresentato, appunto, una prima assoluta nell’ambito del calcio italiano. Grazie a questa partnership, tifosi e follower giallorossi, nonché l’intera comunità di Twitter, assistono a esclusivi match in diretta, preview delle partite, interviste ai giocatori, allenamenti della squadra e momenti della storia giallorossa. L’altro aspetto innovativo di questa partnership vede Twitter offrire questi contenuti ai potenziali sponsor che potranno promuovere il proprio brand utilizzando la cassa di risonanza del social media.

Twitter e l’Inter

L’altra partnership è stata sottoscritta quest’anno. L’Inter si è unita all’Amplify programme di Twitter che dà la possibilità agli inserzionisti di allinearsi con i contenuti dei più importanti gruppi editoriali nel campo dello sport, dell’informazione e dell’intrattenimento a livello globale. La collaborazione con l’Inter è stata l’ultima partnership in ordine di tempo siglata da Twitter con alcune delle società sportive più influenti del mondo, tra le quali figurano anche altri top club calcistici europei.I tifosi interisti e gli utenti di Twitter in tutto il mondo hanno la possibilità di interagire e rimanere aggiornati sulle ultime notizie del club sulla piattaforma con contenuti che includeranno anteprime sulle partite, interviste con i giocatori, video dietro le quinte, degli allenamenti e clip con alcuni dei momenti indimenticabili della storia dell’Inter.
I contenuti saranno disponibili in tutto il mondo su tutti gli account ufficiali de @Inter; @Inter_en; @Inter_id; @Inter_jp; @Inter_ar; @Inter_br; @Inter_es; @Inter_Women.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Marcello FrisoneRedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Italiano, inglese, francese

    Argomenti: Sport-Risparmio-Finanza-Norme-Tributi

    Premi: 31 marzo 2017 - Menzione d'eccellenza giornalista economico al premio Loy, banking and finance award

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti