scivolone

EasyJet: «Calabria, assenza di turisti per colpa di mafia e terremoti». Dopo la gaffe le scuse

Polemiche per la scritta sul sito poi rimossa: «Questa regione soffre di un’evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti»

default onloading pic
La pagina sul sito di EasyJet poi rimossa: la compagnia aerea si è scusata e ha aperto un’inchiesta interna - Ansa

Polemiche per la scritta sul sito poi rimossa: «Questa regione soffre di un’evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti»


3' di lettura

Prima la gaffe, poi le scuse. «Questa regione soffre di un’evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti».

La pubblicità maldestra

È la scritta comparsa sul sito ufficiale della compagnia aerea low cost EasyJet in una pagina che pubblicizza la Calabria. Nella pagina, poi rimossa, si scriveva anche che la Calabria soffre «la mancanza di città iconiche come Roma o Venezia capaci di attrarre i fan di Instagram». Per poi proseguire: «Ma se cerchi un piccolo assaggio della dolce vita, senza troppi turisti, allora sei nel posto giusto. Arrampicati fino alla città di montagna di Morano Calabro per panorami mozzafiato e case bizzarre costruite su cime, che dovrai vedere per credere. Potrai essere tra i pochi turisti a conoscere e apprezzare veramente i tre spettacolari parchi nazionali di questa regione».

Le reazioni

Ironica la risposta data al messaggio dalla pagina Facebook “Lo Statale Jonico”: «Grazie agli amici di EasyJet per la splendida descrizione, ma ci teniamo a precisare - per amore di onestà - che abbiamo anche dei difetti». Altri però hanno reagito diversamente.

Per Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, la compagnia aerea deve scusarsi con tutta l’Italia, mentre la presidente della Regione Jole Santelli definisce «la pseudo operazione di marketing sulla Calabria offensiva, miope e di chiaro sapore razzista».

Dura la reazione della deputata di Fratelli d’Italia Wanda Ferro: «Descrivere la Calabria come una terra di mafia e di terremoti dalla quale i turisti stanno alla larga, e i pochi che arrivano possono ammirare solo delle “case bizzarre”, è di una gravità senza precedenti. Una “cartolina” del tutto falsa e piena di assurdi pregiudizi, che ha l’effetto di danneggiare l’immagine di una regione che non solo può offrire ai visitatori un immenso patrimonio di tesori naturalistici, culturali e identitari, quanto oggi è una terra completamene libera dal covid - lunedì in realtà la regione ha decretato una zona rossa a causa di nuovi focolai, ndr - , ed è pronta ad accogliere in sicurezza turisti e viaggiatori grazie anche all’ottimo lavoro messo in campo dalla presidente Jole Santelli e dall’assessore al Turismo Fausto Orsomarso».

Anche il senatore di Italia Viva Ernesto Magorno ha definito «una vergogna» la pubblicità di Easyjet. «La Calabria è una terra meravigliosa con persone eccezionali - ha proseguito Magorno –. La Calabria è una terra che accoglie e, con buona pace di chi scrive il contrario, è una regione non soffre di assenza di turisti. EasyJet deve chiedere scusa e, prima di scrivere di Calabria, dovrebbe documentarsi meglio».

Le scuse

«EasyJet si scusa apertamente con tutti i calabresi e la Regione Calabria per la descrizione contenuta nella scheda informativa all’interno del sito. L’intento originale del testo era sottolineare quanto la Calabria sia sottovalutata all’estero da un punto di vista turistico». È quanto si legge in una nota della Compagnia aerea. «La Calabria - prosegue la nota - è una terra per noi molto importante, che amiamo e che promuoviamo da sempre con numerosi voli su Lamezia Terme. Ne è una dimostrazione anche il fatto che il primo volo del 15 giugno, che coincide con il ripristino delle operazioni post lockdown, è stato quello verso l’aeroporto di Lamezia Terme». «Abbiamo provveduto immediatamente - conclude EasyJet - a rimuovere il testo in questione e avviato un’indagine interna per capire l’accaduto e fare in modo che non accada mai più».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti