ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCompagnie aeree

Easyjet rifiuta l’offerta di Wizz Air e vara aumento di capitale

La compagnia rivale ungherese ha avanzato un’offerta per il 100% della società. In Borsa il titolo crolla del 9%

di Mara Monti

(REUTERS)

3' di lettura

La battaglia dei cieli tra le compagnie aeree per la supremazia post pandemia è iniziata. Le prime avvisaglie sono emerse dopo che la low cost inglese easyJet ha comunicato di avere rigettato un’offerta per rilevare il 100% della compagnia. Voci di mercato hanno fatto il nome della rivale Wizz Air, mai smentito e mai confermato da entrambe le parti. Easyjet ha quindi optato per un aumento di capitale da 1,2 miliardi di sterline, il secondo dall’avvio della crisi pandemica (il primo era stato di 5,5 miliardi) e ha raggiunto un accordo con le banche per un prestito di 400 milioni di sterline della durata di quattro anni.

In Borsa il titolo ha perso il 10,24% come effetto di diluizione del prezzo per l’aumento di capitale e da inizio anno è negativo del 14%, mentre la variazione ad un anno è positiva del 21 per cento. A sua volta Wizz Air è scesa dell’1,2% e British Airways-IAG del 3,2 per cento.

Loading...

Il ceo di easyJet Johan Lundgren in una call con la stampa pur non svelando il nome del potenziale acquirente ha rivelato solo che il board «dopo avere valutato l’offerta non ha esitato a rigettarla all’unanimità in quanto non creava valore per gli azionisti ed era una transazione tutta in azioni vincolata a molte condizioni». Nessun altro dettaglio è stato aggiunto. Dopo questo primo approccio, al momento non ci sarebbe l’intenzione da parte del potenziale offerente di rilanciare. Sull’aumento di capitale, agli azionisti verranno offerte 31 nuove azioni ogni 47 con uno sconto del 36% sul prezzo di chiusura di mercoledì. Cruciale sarà il ruolo dell’azionista di riferimento Stelios Haji-Ioannou azionista di riferimento con il 25% del capitale il quale potrebbe vedere diluita la sua quota nel caso in cui non sottoscrivesse l’aumento. Un’ipotesi che non viene esclusa dopo le dure critiche al management per la gestione della crisi.

Easyjet ha spiegato che utilizzerà i fondi raccolti con l’aumento di capitale per rafforzare il bilancio sia in senso «difensivo» se la crisi dovesse continuare anche il prossimo anno a causa della variante Delta sia «offensivo» e per poter operare in modo più aggressivo se la ripresa potrà dispiegare opportunità di mercato. Tra i piani di rafforzamento previsti, il rilancio della presenza della low cost in tutta Europa senza escludere la possibilità di acquisire gli slot disponibili presso gli aeroporti di Parigi, Amsterdam e Milano Linate. In questa fase, Easyjet ritiene che i principali concorrenti siano le legacy carries che con la crisi devono ridurre la flotta e il network, come nel caso di Alitalia, non potendo contare sui collegamenti a lungo raggio, in parte ancora chiusi come nel caso degli Stati Uniti: nelle grandi città europee la capacità offerta di easyJet è circa il 32% contro il 40% delle legacy carriers e il 29 % delle altre compagnie low cost. Sul piano finanziario, con lo scoppio della crisi il debito è esploso da 326 milioni nel 2019 a 2,046 miliardi di sterline del terzo trimestre del 2021. Nel frattempo la liquidità è passata da 1,5 miliardi del 2019 a 2,9 miliardi di sterline nel 2021. La cessione di aerei, il licenziamento di 4.500 dipendenti, il taglio dei costi sono state le misure adottate nell’ultimo anno per fare fronte alla crisi.

A sua volta il prestito sottoscritto con le banche servirà per coprire gli ordini di nuovi Airbus in arrivo il prossimo anno e per ripagare il prestito governativo in scadenza a novembre. Il traffico è in parte ripartito in Europa nei mesi estivi, meno in Gran Bretagna a causa delle restrizioni. Tuttavia, la low cost prevede una capacità offerta non superiore al 60% rispetto al 2019. Mentre per Wizz Air in procinto di firmare un contratto con Airbus per altri 100 aerei, con il traffico estivo verrà superata la capacità offerta prima della pandemia. La guerra delle cifre è iniziata.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti