Notizie

Eataly, dieci anni vissuti intensamente

di Augusto Grandi

(Galdones Photography/Eataly)

2' di lettura

Era il 27 gennaio del 2007 e nell'ex fabbrica Carpano di Torino, al Lingotto, Eataly inaugurava la sua prima struttura in una Torino che viveva ancora l'ebbrezza delle Olimpiadi invernali del 2006. Ed ora la realtà creata da Oscar Farinetti festeggia il suo decennale anche se, in realtà, Farinetti aveva iniziato a progettare Eataly 5 anni prima, con il sostegno di Slow Food per la ricerca delle aziende da coinvolgere nel progetto.
Cinque anni di studio, di analisi, di valutazioni prima di arrivare ad inaugurare il primo negozio. E non poteva che essere a Torino, ormai diventata capitale, non solo italiana, dell'alimentazione legata al territorio, alla tradizione. Da allora, per Eataly, la crescita è stata inarrestabile, l'espansione continua.

Eataly Smeraldo a Milano

Sono stati aperti 20 punti vendita in Italia, 12 all'estero, sono stati creati 5.500 posti di lavoro e sono stati accolti milioni e milioni di visitatori, di consumatori, di appassionati di cucina o delle tradizioni alimentari del territorio: 25milioni di persone solo lo scorso anno.
Un unico messaggio, un unico spirito legato all'attenzione per la cultura del cibo italiano ma poi ogni negozio si caratterizza per stile, per architettura, per i rapporti con il rispettivo territorio. Perché ogni struttura vuol essere il punto di riferimento per i propri cittadini e quindi deve valorizzare la tipicità e la particolarità.

Loading...

Eataly New York

Ma se i 10 anni sono stati vissuti intensamente - con aperture che vanno da Bologna a Tokyo, da Monticello d'Alba e New York, da Milano a Istanbul, da Roma a Dubai, da Bari a San Paolo del Brasile, da Firenze a Monaco di Baviera –i prossimi anni porteranno a nuovi traguardi, a nuove aperture. Trieste, appena varata, e poi Verona, Mosca. Ma Eataly si rafforzerà ulteriormente negli Usa e aprirà a Toronto, in Canada. E ancora Parigi, Stoccolma, Seul, Madrid e gli Emirati, Londra. Senza dimenticare il grande progetto di Bologna con Eataly World.

Eataly San Paolo

Grande festa a Torino nel decimo anniversario

Nel frattempo, però, si festeggia. Con una serie di promozioni in tutti i negozi, mentre Eataly al Lingotto ospita chef stellati e nuovi protagonisti della ristorazione subalpina (Il Geranio di Chieri, la Limonaia e Spazio 7 di Torino), una festa in cantina tra vini, birre, tapas, salumi e formaggi. E ancora un'asta che si svolgerà nei reparti pescheria, ortofrutta e salumi e formaggi.

Eataly Roma

Ma il clou sarà il 27 gennaio, con taglio della torta e brindisi mentre nei ristorantini di Eataly saranno ospitati 10 chef stellati, uno dei migliori 15 pizzaioli del mondo ed un grande pasticcere. Ogni piatto sarà venduto a 10 euro e la scelta potrà spaziare dalle creazioni di Massimo Bottura a quelle di Moreno Cedroni, dai piatti di Pino Cuttaia a quelli di Alessandro Negrini e Fabio Pisani, e ancora Enrico e Roberto Cerea, Gennaro Esposito, Philippe Léveillé, Luca Montersino, Claudio Sadler, Ciro Salvo, Davide Scabin e Luigi Taglienti. La festa si concluderà il 29 gennaio.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti