IL RAPPORTO KNIGHT FRANK SULLA RICCHEZZA

Ecco le 10 città dove si concentra la metà dei Paperoni mondiali

di Enrico Marro


default onloading pic
(Adobe Stock)

2' di lettura

Londra che supera New York, poi Hong Kong, Singapore e Los Angeles. Quindi, a seguire, Chicago, Shanghai, Sydney, Tokyo e Toronto. Il nuovo studio di Knight Frank sulla ricchezza (il 2019 Wealth Report) rivela come circa la metà dei quasi 200mila “ultra-high-net worth individuals” (Uhnwi), ovvero i Paperoni con una ricchezza personale pari ad almeno 30 milioni di dollari, si concentrino in appena dieci città mondiali. L’Italia è assente, anche dalla top 20, dove invece compaiono Parigi, Amsterdam e ben tre centri tedeschi (nell’ordine Berlino, Francoforte e Monaco).

Nella top ten la vera sorpresa è che - a dispetto di Brexit - la capitale del Regno Unito con i suoi 4944 ultraricchi ha sorpassato quella New York che fino a ieri era la regina dei Paperoni: solo negli ultimi cinque anni, a Londra, sono comparse nuove 582 persone che possiedono almeno 30 milioni di dollari.

«La metropoli inglese è unica - spiega Liam Bailey, capo della ricerca di Knight Frank sul settore residenziale - non c’è altra città che possa competere come hub globale in così tanti settori». La Grande Mela si può consolare conservando il primato di capitale dei miliardari (94 persone), mentre per i milionari la palma va a Tokyo (ben 488.582), anche se New York è quella che sui “mini ricchi” cresce più in fretta.

Gli ultraricchi continuano a crescere di numero con una rapidità impressionante, al ritmo di uno all’ora: l’anno scorso ne sono comparsi 7.091 nuovi, con il numero totale salito a 198.342. Ma è solo l’inizio. Nei prossimi cinque anni gli “ultra” cresceranno di un ulteriore 22%, avvicinandosi a quota 250mila. Quanto ai miliardari, l’anno scorso sono aumentati di 172 unità arrivando a un totale mondiale di 2229.

Anche se la maggior parte dei Paperoni abita ancora in Europa, a trainarne la crescita è l’inarrestabile Asia. Nei prossimi cinque anni, il numero degli ultraricchi è destinato ad aumentare di ben il 39% in India, del 38% nelle Filippine, del 35% in Cina. E secondo Knight Frank, sono asiatici ben otto dei dieci Paesi destinati in futuro ad avere la crescita più forte di individui con patrimoni superiori ai 30 milioni di dollari.

Ma anche sul fronte dei miliardari in Asia non si scherza: sempre stando al report, entro il 2025 quel continente sfonderà il tetto dei mille “billionaires”, salendo a oltre un terzo del totale mondiale. Quanto ai milionari, nel 2019 a livello planetario per la prima volta nella storia supereranno quota 20 milioni, concentrati però quasi esclusivamente in tre aree geografiche: Nord America (6,6 milioni), Europa (5,9 milioni) e Asia (5,8 milioni).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...