World Back-up Day

Ecco in 8 mosse come mettere al sicuro la propria vita digitale

di Biagio Simonetta


Oggi e' il World Backup Day, 65% ha perso i dati

3' di lettura

È il World Backup Day, il giorno dedicato al Backup. E se vi state chiedendo se ha senso dedicargli una giornata, la risposta è sì. È sì perché la digitalizzazione che ha stravolto le nostre vite negli ultimi dieci anni, ha dato un peso ancora più importante ai dati. Dallo smartphone al pc passando per il tablet: i dispositivi elettronici sono ormai diventati delle vere e proprie casseforti, contenenti documenti e progetti di lavoro, ma anche fotografie, messaggi e ricordi personali. Mettere al sicuro e salvare questa miniera di dati da virus, furti e guasti, è un'azione ormai imprescindibile. E nonostante sia anche abbastanza facile, viene spesso ignorata. Nel mondo, infatti, vengono generati ogni anno più di 1,8 zettabyte di file, ma quasi il 30% delle persone non ha mai realizzato, nemmeno una volta, una copia di backup dei suoi dati.

PER SAPERNE DI PIÙ / Un migliaio di italiani spiati per errore da hacker di Stato

Cosa fare allora? Le risposte le prendiamo da Ermes Cyber Security, startup nata come spin-off del Politecnico di Torino, specializzata nella difesa delle aziende da parte dei pericoli del Web. «Per iniziare a fare il backup è bene seguire la cosiddetta ‘regola del backup 3-2-1': salvare i dati 3 volte, utilizzare 2 differenti tecnologie, tenere 1 dei backup fuori dall'ufficio o dall'ambiente domestico», ricorda il founde Hassan Metwalley. Ma vediamo le otto mosse suggerite da Ermes nel dettaglio.

PER SAPERNE DI PIÙ / Cambridge Analytica un anno dopo: così sta cambiando il mercato dei dati personali

1 - Salva i dati 3 volte
I dati dovrebbero essere salvati 3 volte: la prima nel dispositivo che si utilizza di solito e le altre due su dispositivi di archiviazione separati, così da avere sempre almeno una memoria recuperabile.

    2 - Usa due diversi supporti
    Per fare i backup è consigliabile utilizzare 2 diverse tecnologie, quindi due tipi di dispositivi diversi (es.: Hard Disk + USB), per ridurre la possibilità di perdere i propri dati qualora, ad esempio, una partita di hard disk risultasse avere dei problemi di fabbrica. Inoltre, 1 dei dispositivi di archiviazione andrebbe preferibilmente collocato lontano dal principale, per evitare che un furto o un incendio impediscano di accedere ad entrambi i backup.

    3 - Fidati della nuvola
    Oltre al backup locale su memorie esterne, l'ideale sarebbe realizzare uno dei 3 backup su piattaforme cloud online, come ad esempio Dropbox, Drive, iCloud, che non sono vincolate ad un singolo dispositivo e permettono di recuperare i dati anche da remoto.

    4 - Cripta dove possibile e scegli password complesse
    Sia per criptare i backup su supporti fisici che - soprattutto - per proteggere gli account delle piattaforme cloud, è bene impostare delle password complesse utilizzando dagli 8 ai 10 caratteri, lettere maiuscole e minuscoli, numeri e caratteri speciali.

    5 - Fai test per il ripristino dei dati
    Alla regola 3-2-1 è possibile aggiungere anche la regola zero, che sta per “zero errori”. Effettuare un backup non basta infatti per stare tranquilli. Bisogna anche verificare che questi siano andati a buon fine e che non contengano, appunto, errori. Il salvataggio dei dati, specialmente se effettuato con software ad hoc, difficilmente non va a buon fine, al contrario è proprio il ripristino degli stessi che può dare problemi. Sempre meglio fare dei test prima che sia troppo tardi.

    6 - Lascia il lavoro sporco ai computer
    Fare il backup manualmente di grandi quantità di dati è un lavoro impegnativo, frustrante e decisamente time consuming. Per questo è meglio affidarsi a software in grado di effettuare i salvataggi per noi con cadenza regolare. Tali programmi sono in grado di copiare dati in modo invisibile, lavorando in background, e spesso in modo incrementale, ovvero senza la necessità di salvare ogni volta tutti i dati in nostro possesso ma semplicemente aggiornando gli archivi con le modifiche più recenti.

    7 - Non risparmiare
    Non è il caso di puntare al risparmio quando in ballo c'è il lavoro di una vita. Evitate supporti che si deteriorano facilmente con il passare del tempo, come CD o Blu-Ray, e scegliete invece un hard disk di ultima generazione, magari un SSD o anche una pendrive, ponendo attenzione anche a scegliere marche affidabili.

    8 - Non rimandare
    Il consiglio più importante per quanto riguarda i backup è quello di non rimandare a domani quello che potete fare oggi. Per quanto costosi e ben costruiti, i computer restano delle macchine e, in quanto tali, vittima dell'usura, di difetti e di bug. Se state lavorando ad un progetto importante o semplicemente avete appena finito di riordinare le foto delle vostre vacanze, il miglior momento per effettuare un backup resta sempre oggi.

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...