INTRATTENIMENTO

Ecco Control: il soprannaturale non è mai stato così fuori controllo

Pelle d’oca e incanto per il nuovo gioco dei creatori di Alan Wake e Quantum Break. Il titolo di 505 Games e Remedy Entertainment è la vera sopresa di questa fine estate

di Luca Tremolada


default onloading pic

2' di lettura

Indossate le cuffie, spegnete la luce e provate a dimenticarvi tutto quello che avete finore sui videogiochi. Control, il nuovo gioco di Remedy Entertainment è un incubo lucido che sarebbe piaciuto alle sorelle ex fratelli Wachowski. Ma attenzione non uno di quei titoli che nascono artisticamente suggestivi con una trama non banale ma fondamentalmente ingiocabili. I finlandesi dietro ai successi di Alan Wake e Quantum Break hanno confezionato intorno a un sistema di combattimento solido un gioco davvero sorprendente e piacevole.

Sam Lake, tra i fondatori di Remedy Enterainment

La storia. Siamo Jesse Faden, siamo confuse e siamo alla ricerca del nostro fratello Dylan. Tutto si svolge dentro il Federal Bureau of Control, una sorta di Fbi del paranormale. Quando arriva Jesse l’intero edifico è stato contagiato da una entità chiamata Hiss (sibilo) che ha frantumato le artchitetture e le persone come in brutto episodio della serie Ai confini della realtà. Troverete cestini rovesciati macchie di sangue, persono ipnotizzate appese ai soffitti e la certezza che nulla è quello che sembra. Nelle orecchie voci metalliche, sibili, inquietudine e disagio vi introdurranno a dipendenti zombie ed entità malvagie. Insomma, sembrerà di stare eslporare un quadro astratto in tre dimensioni.

Le immagini del gioco

Le immagini del gioco

Photogallery4 foto

Visualizza

Cosa ci è piaciuto. Se superi le prime due o tre ore indenne, per capirci dopo avere acquisito potere telecinetici, il gioco prende finalmente forma. Lo spettacolo della costruzione e ricostruzione degli ambienti smette di essere un plastico esercizio di stile, storia e gameplay incominciano a parlarsi e ogni dettaglio diventa essenziale per la comprensione dell’incomprensibile. Per esempio, se avete tempo e voglia guardate cosa danno alla televisione.

Il trailer di Control (Ps4, Xbox One e Pc)

Cosa non ci è piaciuto. Le animazioni sono un po’ frettolose, alcune fasi del combattimento sono troppo frenetiche, si indugia sempre molto con i tic stilistici tipici dei giochi della software house finlandese come i giochi di luce-buio e un senso di rumore di sottofondo grafico che alla lunga stanca.

Giudizio. Ci sono giochi che inizi e poi li molli arrivato a metà perché ti sembra di avere capito già tutto. Control ha il merito di restare interessante anche quando aumenta la complessità delle battaglie. E qualcosa di assurdo c’è sempre da scoprire. Magari anche solo qualche stanza più in là.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...