La direttiva europea

Ecco le istruzioni Covip per l'adeguamento alla Iorp2

Dal ruolo del direttore alla gestione del rischio, gli adempimenti richiesti dalla Commissione di vigilanza, in applicazione alla direttiva europea

di Lorenzo Cicero (*)

default onloading pic

Dal ruolo del direttore alla gestione del rischio, gli adempimenti richiesti dalla Commissione di vigilanza, in applicazione alla direttiva europea


2' di lettura

Con la deliberazione del 29 luglio scorso, Covip ha emanato Istruzioni di vigilanza rivolte ai fondi pensione negoziali e preesistenti con soggettività giuridica per gli adeguamenti alla direttiva comunitaria Iorp2. Si riporta di seguito una lista degli adempimenti da porre in essere con indicazione della relativa tempistica. Al primo CdA utile i fondi pensione nominano la figura di Direttore generale (ove non già presente) e pongono termine a gli incarichi di Responsabile (figura ormai prevista per i soli fondi aperti e per i Pip).
Al più presto fondi provvedono a pubblicare sul proprio sito web il Documento sulle politiche di investimento (Dpi) nella versione semplificata indicata da Covip. Viste le nuove disposizioni in materia di esternalizzazione occorre aggiornare tempestivamente i contratti con gli outsourcers provvedendo ai dovuti oneri informativi verso Covip.

I fondi provvedono inoltre a nominare le funzioni fondamentali gestione del rischio, revisione interna e attuariale (quest'ultima ove necessario) entro dicembre del corrente anno. Entro lo stesso termine, sentite le funzioni di controllo e gestione del rischio, devono essere definiti i metodi per la valutazione interna del rischio per poi consentire all'organo amministrativo di pervenire alla prima valutazione interna del rischio entro aprile 2021. Il nuovo sistema di governo deve essere descritto in apposito documento: il Documento sul sistema di governo è redatto dal CdA annualmente e reso pubblico unitamente al bilancio. Il primo deve essere pubblicato unitamente al bilancio per il 2020.

Le varie politiche scritte imposte dalla nuova normativa saranno raccolte nel Documento sulle politiche di governance da adottare entro la data di approvazione del bilancio per il 2020 (non destinato alla pubblicazione).Entro lo stesso termine i fondi dovranno redigere o aggiornare il manuale operativo delle procedure (Mop).A seguire si attende a breve l'emanazione dei nuovi schemi di statuto Covip cui i fondi saranno chiamati ad adeguarsi.

Ecco una sintesi tabellare della to do list:

(*) Mefop


Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti